Aree protette del Mezzogiorno
4,5 mln per prevenire i rischi

16

Uno stanziamento di 4,5 milioni di euro per finanziare progetti esemplari finalizzati a prevenire e ridurre i rischi ambientali all’interno delle aree naturali protette del Uno stanziamento di 4,5 milioni di euro per finanziare progetti esemplari finalizzati a prevenire e ridurre i rischi ambientali all’interno delle aree naturali protette del Sud. A metterlo a disposizione è la Fondazione Con il Sud guidata dal campano Carlo Borgomeo, che apre un bando rivolto alle organizzazioni di terzo settore e del volontariato di Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia. I dati Sono oltre 200 le aree naturali protette presenti nelle regioni meridionali. Nel dettaglio, si tratta di 11 parchi nazionali e 29 regionali, 19 aree marine, 45 riserve naturali statali e 95 riserve regionali, a cui si aggiungono 17 altre aree protette (14 statali e 3 regionali). La Sicilia è la regione del Mezzogiorno con il maggior numero di aree tutelate (88), seguita dalla Puglia (39), dalla Campania (30), dalla Calabria (23), dalla Sardegna (19) e dalla Basilicata (17). Si tratta di un patrimonio dal grande valore anche culturale ed economico, minacciato ogni anno da rischi di natura idrogeologica, geologica, di perdita di superficie boschiva e di biodiversità. Gli interventi Gli interventi dovranno essere proposti da partnership costituite da almeno tre soggetti che assumeranno un ruolo attivo nella co-progettazione e nell’implementazione del progetto. Ogni team dovrà individuare un responsabile che coordinerà i rapporti tra i diversi soggetti della partnership con la Fondazione,anche in termini di rendicontazione Chi può partecipare Possono presentare una proposta di Progetto, in qualità di soggetto responsabile, ed eventualmente accedere ai finanziamenti della Fondazione, tutte le organizzazioni senza scopo di lucro, organizzate nella forma di associazione (riconosciuta o non riconosciuta), cooperativa sociale o loro consorzi, ente ecclesiastico, fondazione o impresa sociale. Oltre al terzo settore e al volontariato potranno essere coinvolte le istituzioni, le università, la ricerca e il mondo economico. Fondamentale nell’elaborazione e nella valutazione delle proposte sarà l’impegno degli organi di gestione delle aree protette in cui si svolgeranno i progetti ad accompagnare e sostenere attivamente gli interventi avviati per garantirne la piena realizzazione e l’effettiva continuità nel tempo. I progetti finanziabili Potranno essere selezionati e finanziati progetti che prevedano principalmente attività quali, ad esempio, l’avvio di presidi territoriali svolti dalle comunità locali; l’educazione dei cittadini alla cura e manutenzione del territorio e alla gestione di situazioni di emergenza ambientale; lo sviluppo di sistemi di controllo e monitoraggio dei fenomeni che possono destabilizzare le condizioni di equilibrio territoriale; le opere di conservazione delle specie animali o vegetali. Le proposte di progetto potranno, inoltre, prevedere interventi di valorizzazione e capaci di favorire la fruibilità delle Aree protette. Scadenza Le proposte di progetto dovranno essere presentate esclusivamente online, entro il 14 aprile 2015 per i parchi nazionali e regionali ed entro il 17 aprile per tutte le altre aree protette. Con le precedenti edizioni del bando la Fondazione di Carlo Borgomeo ha sostenuto 31 progetti (10 nel 2008, per la salvaguardia dei Parchi meridionali contro il rischio incendi, e 21 nel 2012, per interventi finalizzati alla riduzione della produzione dei rifiuti), per un’erogazione complessiva di oltre 5,2 milioni di euro.


Risorse complessive 4,5 milioni di euro Beneficiari Organizzazioni di terzo settore e volontariato di Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia Chi può presentare proposte Associazioni (riconosciute o non riconosciute) Cooperativa sociali o loro consorzi Enti ecclesiastici Fondazioni Imprese sociali Progetti finanziabili Avvio di presidi territoriali svolti dalle comunità locali Educazione dei cittadini alla cura e manutenzione del territorio Sviluppo di sistemi di controllo e monitoraggio Opere di conservazione delle specie animali o vegetali Interventi di valorizzazione delle Aree protette Scadenze 14 aprile 2015 per i parchi nazionali e regionali 17 aprile per tutte le altre aree protette
bando_ambiente.pdf