Arnas Garibaldi Catania in prima fila nella lotta al tumore del fegato

43

CATANIA (ITALPRESS) – Si è svolta presso l’Aula di Endocrinologia del P.O Garibaldi-Nesima la Consegna della Certificazione Bureau Veritas per il percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale
(PDTA) dell’epocarcinoma.
Ad aprire l’evento è stato il Commissario Straordinario dell’Arnas Garibaldi, Fabrizio De Nicola, al quale hanno fatto seguito il Presidente dell’Ordine dei Medici e Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Catania Alfio Saggio, Mario Cugno (Business Development Manager Sicilia Bureau Verita Italia), Massimiliano Conforti (Vice Presidente Nazionale EpaC), e Aurora Scalisi (Presidente Provinciale Lega Italiana Lotta contro i Tumori LILT).
La validità del percorso di diagnosi e cura (PDTA) dell’ARNAS Garibaldi nella lotta contro uno dei tumori più letali, il carcinoma del fegato, è da oggi sancita dall’ottenimento, prima in Sicilia e tra le prime in Italia, della certificazione da parte di Bureau Veritas, Ente di certificazione di rilevanza Internazionale.
Il certificato è stato ufficialmente consegnato all’Arnas martedI’ 6 giugno nel corso di una cerimonia ufficiale svoltasi a Catania. Il PDTA sarà sottoposto a periodiche verifiche e valutazioni dell’attività svolta e degli obiettivi raggiunti, che permetteranno una completa trasparenza dei processi e degli esiti, nel rispetto delle raccomandazioni di buona pratica clinica. Le periodiche azioni di auditing interno ed esterno (grazie al supporto del Clinical Auditor) consentiranno di apportare tempestive correzioni, qualora si rilevassero scostamenti o non conformità.
L’epatocarcinoma è il tumore primitivo più frequente del fegato (90%), ed è tra le neoplasie maligne più diffuse al mondo; sul totale annuale delle morti per cancro, il 10.5% degli uomini (seconda solamente al tumore polmonare) ed il 5.7% delle donne (al sesto posto dopo mammella, polmone, colon-retto, cervice uterina, stomaco) muore di epatocarcinoma. Insorge in oltre il 90% dei casi in pazienti già affetti da epatopatia cronica e cirrosi epatica.
Sulla base di attendibili modelli statistici, si prevede in Italia il raddoppio dell’ incidenza di epatocarcinoma entro il 2030, a causa dell’invecchiamento della popolazione e della diffusione epidemica di obesità e diabete mellito di tipo 2, e dell’aumentato consumo di alcol, considerati oggi principali fattori di rischio. E’ diminuita nel tempo l’incidenza dei fattori di rischio virali, grazie alla possibilità di cura farmacologica delle epatiti B e C.
La sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi di epatocarcinoma è ancora oggi tra le più basse in campo oncologico (intorno al 20%), a causa della diagnosi tardiva e dell’alta probabilità di recidiva. Pertanto è necessario promuovere campagne di screening e sorveglianza per ridurre i fattori di rischio e permettere una diagnosi tempestiva che consenta trattamenti radicali (trapianto di fegato, resezione, termoablazione per via percutanea); nei pazienti con diagnosi tardiva è possibile mettere in atto trattamenti (chemio- e radio-embolizzazione, terapie sistemiche) che prolungano comunque la sopravvivenza, con risultati che negli ultimi anni sono sensibilmente migliorati, grazie soprattutto alla immunoterapia.
Considerata la complessità della diagnosi e cura di questo tumore, tutte le principali linee guida indicano nella costituzione di un team multidisciplinare il requisito essenziale per la presa in carico dei pazienti affetti da carcinoma epatico. Il ruolo dell’epatologo è centrale per mantenere compensata la cirrosi epatica, che quasi sempre si associa al tumore.
Nel Dicembre 2021 l’ARNAS Garibaldi di Catania, su proposta del Direttore Sanitario Aziendale Dr. Giuseppe Giammanco, con il supporto del Commissario Straordinario Fabrizio De Nicola e del Direttore Amministrativo Giovanni Annino, ha formalizzato la nascita del Gruppo Oncologico Multidisciplinare del carcinoma epatico, coordinato dal Direttore della UOSD di Epatologia, Maurizio Russello. Il team è composto, oltre che dall’Epatologo, dall’Oncologo Medico, dal Radiologo diagnostico e interventistico, dal Chirurgo epato-biliare, dall’Anatomo-Patologo e dal Case Manager. Il team si avvale della costante collaborazione di altri Specialisti quali il Radioterapista, l’Endocrinologo-Diabetologo, il Nutrizionista, il Medico Nucleare e il Palliativista e Terapista del dolore, nonchè del supporto dei Direttori dei Dipartimenti di Oncologia (Dr. Roberto Bordonaro) e di Medicina (Dottor. Marcello Romano).
Il requisito principale per la gestione multidisciplinare del paziente oncologico è la definizione di percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali (PDTA) che siano in grado di assicurare ai cittadini efficienza ed equità delle cure, evitare disagi e ritardi che potrebbero ridurne l’efficacia e peggiorare gli esiti attesi, ottimizzare l’allocazione delle risorse disponibili e rendere così sostenibili i costi sanitari. Il team multidisciplinare considera requisito essenziale per raggiungere questi obiettivi l’integrazione con la Medicina territoriale.
“La certificazione – afferma il dottor Maurizio Russello – fornisce ulteriore conferma e fiducia nella validità del nostro approccio, assicurando standard di cura e una completa integrazione con la Rete Regionale dell’epatocarcinoma, eccellenza della Sanità siciliana”.
Il PDTA dell’epatocarcinoma dell’ARNAS Garibaldi di Catania, che prende in carico il singolo paziente dalla iniziale diagnosi alla terapia, al successivo follow-up, sino alla fase terminale della malattia, è stato redatto nell’ambito del Progetto MDT – “Multidisciplinary Team: Realize the Patient Pathway of Hepatocellular Carcinoma” con il coordinamento scientifico del Dr. Maurizio Russello, il supporto incondizionato di AstraZeneca e il supporto tecnico di IQVIA Solutions Italy.
Il team multidisciplinare dell’ARNAS Garibaldi è uno dei 5 Centri Hub della Rete Siciliana dell’epatocarcinoma, in grado di assistere a 360 gradi il paziente affetto da questo tumore, comprendendo anche il Centro Trapianti Regionale IsMETT di Palermo, garantendo le migliori terapie e le soluzioni più efficaci indipendentemente dalla sua residenza.
“Questo prestigiosa Certificazione – ha detto il dott. De Nicola – è l’ennesimo riconoscimento al lavoro di una equipe multidisciplinare preparata e ben guidata, capace di offrire un percorso diagnostico-terapeutico e assistenziale di grande livello. Si tratta dell’ennesima attestazione nei confronti di una azienda ospedaliera, la nostra, certamente al passo con i migliori riferimenti europei.

– foto: ufficio stampa Arnas Garibaldi Catania

(ITALPRESS).