Arriva Credit Switch, sistema valutazione affidabilità finanziaria

7

(AdnKronos) – Quali sono i primi finanziatori delle Imprese italiane? E quali quelli che concedono le condizioni migliori in termini di tassi di interesse ed in generale di costi del finanziamento? La risposta più semplice potrebbe essere le Banche o le Finanziarie, o in alternativa i più moderni portali di Peer to Peer Lending o i cosiddetti Business Angel. E invece la risposta è ancora più semplice: le Imprese stesse.

I crediti di fornitura e le dilazioni sui pagamenti sono infatti la forma più comune e quotidiana di finanziamento a breve termine per le Imprese e con costi praticamente pari a zero, escludendo le possibili scontistiche per “pronto cassa” che potenzialmente potrebbero essere calcolati come costi evitati. Ma la differenza principale è la modalità con la quale si può accedere a questi finanziamenti; se attraverso un Istituto di Credito i requisiti sono abbastanza stringenti; per quanto riguarda le Imprese non è sempre detto che il Fornitore intraprenda una valutazione dell’affidabilità finanziaria del proprio potenziale cliente prima di concedere una fornitura, essendo sempre e comunque nuovo fatturato per l’Impresa. Le problematiche arrivano però in seguito, quando quel fatturato non si tramuta in incasso ed il nuovo cliente si rivela insolvente.

Gli strumenti a disposizione delle Imprese, siano esse grandi aziende o PMI di piccole dimensioni, sono vari e differenti a seconda della struttura dell’azienda stessa, del valore di ogni singola fornitura, del settore e del mercato di riferimento al quale ci si rivolge. Partendo dal presupposto che un’Impresa non è mai troppo piccola per implementare un sistema di valutazione preventiva a tutela del proprio credito, esistono fondamentalmente due tipologie di informazioni preventive: le informazioni online da banche dati e quelle investigate sviluppate appunto da agenzie investigative ed ottenute da fonti ufficiali e ufficiose.

Ognuna di queste informazioni possiede dei vantaggi e degli svantaggi per le Imprese che valutano i propri potenziali Clienti. Se è vero che le informazioni online sono rapide e poco costose è vero anche che sono fondamentalmente statiche e quindi non aggiornate; valutare grazie a queste informazioni permette infatti di avere subito un esito, per esempio attraverso i dati camerali di un’azienda, ma questi dati saranno aggiornati al bilancio dell’anno precedente per cui potenzialmente fermi da quasi 2 anni. D’altra parte ci sono sicuramente delle posizioni sulle quali questa tipologia di controllo è quello più adatto, come nel caso delle piccole forniture.

Le informazioni investigate, oltre ai dati pubblici, contengono una serie di informazioni reperite tramite diverse fonti, attraverso un’attività investigativa, che aggiornano quei dati e arricchiscono l’analisi con elementi non reperibili in altre modalità. Proprio per le loro caratteristiche e modalità di elaborazione queste informazioni hanno delle tempistiche di evasione più elevate ed un costo maggiore, vista l’operatività presente all’interno del servizio ed il suo valore aggiunto. Le grandi forniture e gli accordi importanti necessitano sicuramente di un’indagine approfondita che può durare giorni e per la quale il costo è ben commisurato al rischio di un’eventuale accordo con un partner non affidabile.

Per le imprese – in un contesto dinamico come quello attuale – la disponibilità di un sistema di valutazione di affidabilità finanziaria è un elemento chiave nella gestione quotidiana ad esempio dei crediti di fornitura e delle dilazioni sui pagamenti. Per sostenere questa necessità, con tempistiche e costi adeguati al fabbisogno delle imprese, Abbrevia annuncia il varo di Credit Switch, un sistema che consente la personalizzazione del sistema di valutazione dell’affidabilità finanziaria . Si tratta – sottolinea la società – di ”una soluzione ibrida, scalabile e personalizzabile, che unisce le informazioni online a quelle investigate riadattando queste ultime alla necessità di tempistiche rapide di valutazione”.

In pratica il sistema elaborato da Abbrevia ”permette di definire i livelli di analisi preventivamente, a seconda delle necessità di spinta commerciale o di prudenza creditizia, per poi scegliere per ogni singola posizione il livello di analisi più adatto, a seconda del valore della fornitura per esempio, ottenendo in pochi minuti un esito positivo o negativo che non necessita quindi di un’analisi ulteriore”.

Credit Switch offre inoltre la possibilità ”di monitorare tutte le posizioni analizzate e modificare le caratteristiche dei livelli” così da consentire alle imprese ”di gestire nella maniera più adatta alla propria realtà la concessione del credito, attività non possibile con l’acquisto delle informazioni singole e senza un sistema che le contenga e le organizzi”