Arriva pacchetto ‘Strade sicure’

10

Roma, 23 lug. (AdnKronos) – Un pacchetto ‘Strade sicure’ per ridurre i numero di incidenti e per proteggere una categoria particolarmente disagiata quale è quella dei ciclisti. Ad annunciarlo il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, , nel corso di un intervento al convegno ‘Sicuri in città’, che si è svolto oggi alla Camera. “Siccome gli incidenti su strade urbane incidono enormemente sul totale, parliamo di oltre 130mila casi su un totale di poco meno di 175mila, il governo e questo ministero, con il supporto del gruppo parlamentare del M5S, hanno messo a punto proprio partendo dalle città una serie di provvedimenti che ridurranno fortemente gli incidenti e le lesioni”, ha detto Toninelli.

“Si tratta – ha spiegato Toninelli – di un pacchetto ‘strade sicure’ che innanzitutto protegge una categoria particolarmente disagiata negli assetti della viabilità. Parliamo dei ciclisti. L’anno scorso ne sono morti 254 e questo non può e non deve più accadere: usare un mezzo così pulito e sostenibile, che fa bene alla salute di chi lo usa e degli altri, che non sporca e nemmeno ingombra, deve smettere di essere un atto di coraggio e deve diventare una scelta di normalità, per una maggiore qualità della vita”.

Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha preparato un pacchetto di misure sulla mobilità, che approderà in una delle prossime riunioni del Consiglio dei ministri, segnando un primo passo verso la rivoluzione che il ministro Toninelli vuole perseguire: consegnare all’Italia un futuro green, in cui i mezzi di trasporto siano il più possibile a basso impatto.

Il pacchetto di misure sulla mobilità approderà in una delle prossime riunioni del Consiglio dei ministri e si compone di due disegni di legge: uno sulla mobilità sostenibile e uno di modifica al codice della strada, ribattezzato ‘Strade sicure’. Tante le novità, con misure per l’anti abbandono dei bambini in auto, per i ciclisti e per i mezzi di trasporto elettrici.

Il ddl ‘Strade sicure’, nello specifico, mediante interventi puntuali sulle disposizioni del nuovo codice della strada implementa la sicurezza in favore dell’utenza cosiddetta ‘vulnerabile’, nello specifico bambini e ciclisti. Con una semplice modifica all’articolo 172 del Codice della strada, diventerà obbligatoria, ha sottolineato Toninelli, l’installazione di dispositivi anti abbandono sui seggiolini auto per i bambini. In questo modo si punta ad arginare il terribile fenomeno dei decessi di bimbi dimenticati in auto, soprattutto in estate. Per l’acquisto di questi dispositivi sarà previsto uno sconto fiscale. “Anche un solo caso all’anno – ha detto – basta perché diventi una priorità”.

Centrale la tutela dei ciclisti, nell’ottica di andare sempre più verso sistemi di mobilità realmente green. Si prevede ad esempio che le biciclette possano circolare nelle corsie preferenziali o nelle strade riservate al trasporto pubblico locale di linea nelle città, lì dove ci siano i requisiti di sicurezza necessari. Verranno poi previste linee di arresto avanzate per i ciclisti ai semafori, come già accade in moltissime città europee. Questo contribuirà a generare una cultura comune della circolazione alternativa delle biciclette che nel tempo si auspica possa consolidarsi in un’abitudine di guida e di mobilità. Con un’altra modifica si rende poi più facile il trasporto di biciclette sugli autobus da noleggio, da gran turismo e di linea.

Un’ulteriore modifica al Codice della strada consente ai motorini elettrici di potenza superiore a 11 Kw, che possono dunque essere guidati solo da maggiorenni, di circolare sulle autostrade e sulle strade extra-urbane principali. La modifica è necessaria per colmare un vuoto normativo che interessa una categoria di mezzi a basso impatto sempre più diffusi.

Inoltre, il disegno di legge sulla Mobilità sostenibile punta invece a sostituire negli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Venezia, che rivestono il ruolo di gate intercontinentali, gli automezzi e le attrezzature alimentati con motori endotermici con automezzi e attrezzature a trazione elettrica. L’obiettivo è quello di ridurre le emissioni di gas serra e migliorare il livello di sostenibilità ambientale. Si parte appunto dai principali aeroporti italiani. Il provvedimento prescrive che i soggetti operanti nelle aree lato volo dell’aeroporto (il cosiddetto air side) procedano al noleggio, alla sostituzione o alla conversione di automezzi e attrezzature alimentati con motori endotermici con automezzi e attrezzature a trazione elettrica.

Vengono previsti degli incentivi per la sostituzione o per la conversione degli automezzi e viene istituito un Fondo nazionale per lo sviluppo della mobilità elettrica negli aeroporti strategici che rivestono il ruolo di gate intercontinentali, nello stato di previsione del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. I costi per la conversione dei mezzi non andranno per nessun motivo a gravare su un innalzamento delle tariffe aeroportuali.

Il provvedimento prevede che sarà l’Enac a predisporre un programma di sostituzione e conversione degli automezzi e attrezzature e di realizzazione dei relativi impianti di ricarica. Sempre l’Enac dovrà vigilare sulla realizzazione del programma di sostituzione degli automezzi nei tre aeroporti, dovrà agevolarne l’attuazione e riferirà sull’andamento del piano al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti entro il 31 marzo di ogni anno.

“La sicurezza della nostra mobilità – ha sottolineato Toninelli – non deve essere più uno slogan. Però serve un cambio di paradigma, una visione nuova. Rispetto per l’ambiente per una migliore qualità della vita. E’ questa la stella polare dell’azione del mio ministero e del mio governo”.