Artigiani, Capone (Ebac): Riforma ammortizzatori valorizza il ruolo dei fondi bilaterali

137
in foto Achille Capone

L’Ebac – Ente Bilaterale per l’Artigianato Campania, guarda con interesse all’impianto di riforma degli ammortizzatori che il ministro del Lavoro Andrea Orlando ha presentato alle parti sociali, e in particolate alla volontà di cancellare la cassa in deroga, puntando, invece, a rafforzare i fondi bilaterali. “In tal modo ci avviamo verso un nuovo sistema di ammortizzatori sociali – sottolinea Achille Capone, presidente dell’Ebac – che garantirebbe i trattamenti di cassa integrazione. Sia ordinaria che straordinari, a tutti lavoratori, in base alle dimensioni delle aziende e dei comparti di appartenenza”. Nel progetto ministeriale, tutti i datori di lavoro devono iscriversi e contribuire al fondo bilaterale di riferimento, elementi che diverrebbero vincolanti al rilascio del Durc. “In tal modo – aggiunge Anna Letizia, vice presidente dell’Ebac – ai lavoratori coperti dai fondi bilaterali sarebbero assicurati gli stessi elementi di tutela e durata garantiti ai lavoratori coperti da Cigo e Cigs”. Di particolare valore, per l’Ente, l’intenzione del ministro Orlando di valorizzare le esperienze positive dei fondi bilaterali, con un salto di qualità in senso solidaristico attraverso la creazione di un ‘superfondo intersettoriale’, ovvero una camera di compensazione per fronteggiare eventuali crisi dei singoli fondi, o nuovi shock, come l’attuale pandemia da Covid.