Artisti della metalmeccanica

143

Una piccola azienda con trenta addetti, delle più longeve tra quelle della metalmeccanica valdostana. Passato più di mezzo secolo dalla sua fondazione è ancora a conduzione familiare dal 1968, quando Antonio Lingeri fonda l’azienda cogliendo l’opportunità offerta dal modello Olivetti orientato allo sviluppo del territorio, per avviare uno studio tecnico per sviluppare e progettare i nuovi prodotti legati alle macchine da scrittura e di elaborazione dati della stessa Olivetti. Honestamp è il nome scelto, come fusione tra il settore dell’attività d’impresa, lo stampaggio e il nome del paese di origine, Hone. Crescendo, negli anni la sede si sposta a Pont-Saint-Martin, paese alle porte della regione in una posizione per servire meglio due regioni strategiche come Piemonte e Lombardia. Ed è qui che l’azienda innova, cresce e affonda le sue radici nel territorio, dando vita ad un nuovo approccio di welfare fortemente locale e sostenibile che guarda alle ricadute sul territorio; creando una sinergia tra lavoratori e abitanti. “Ritengo di aver creato un modello che potrebbe essere replicato anche in altre località della valle o nei paesi che si trovano a gestire un indotto produttivo e commerciale in difficoltà economica – racconta Simone Lingeri, imprenditore della terza generazione che gestisce l’azienda col fratello Mirko -. Ed è anche una questione di vision a lunga gittata perché se il paese perde ricchezza e attrazione economica anche chi lavora intorno ci rimette”. È questo un esempio concreto di come le aziende possano creare valore per i territori, un esempio di imprese e territori resilienti. Proprio con i commercianti locali di Pont-Saint-Martin, infatti, la Honestamp ha firmato un accordo: l’azienda mette a disposizione dei dipendenti speciali buoni di acquisto da spendere esclusivamente nei negozi del centro storico convenzionati, un’opportunità in più per le attività locali che devono puntare sul commercio di prossimità, sulla fidelizzazione del cliente e sui legami di vicinanza. La sinergia con il territorio di Honestamp si mostra con forza anche attraverso il progetto rivolto alle scuole. “Da oltre 30 anni, è sempre stato un elemento caratterizzante del nostro modo di interpretare la sostenibilità sociale – prosegue Simone Lingeri -. Aziende come la nostra hanno difficoltà a reperire personale specializzato: la meccanica di precisione esige professionalità e competenze di alto livello”. È fondamentale investire tempo e risorse sulla formazione professionale degli studenti e dare opportunità ai ragazzi, proponendo loro momenti di confronto, di scambio e soprattutto di contaminazione. Honestamp lo sa bene e ha attivato collaborazioni con le scuole secondarie, medie e superiori della zona. Per rimanere competitiva nel settore dello stampaggio industriale la parola chiave negli anni è stata diversificazione, dei clienti e dei prodotti. Il segreto di questa pmi è aver saputo adattarsi ai cambiamenti e mantenere un alto grado di flessibilità. Alla progettazione e al disegno tecnico degli albori, viene gradualmente aggiunta l’officina dei primi attrezzi di produzione, per concludere il processo evolutivo negli anni ’80 con la produzione in serie di parti e componenti metallici e plastici. Proprio questa flessibilità al cambiamento e l’arricchimento di know-how ha permesso di soddisfare le richieste di clienti appartenenti ad ogni tipologia di settore spaziando dall’automotive all’informatica e all’infotainment, dalla componentistica per l’edilizia al comparto energetico, dall’oil and gas al credito approdando anche al settore medicale. Racconta ancora Lingeri “da quando a mio nonno Antonio venne data l’opportunità di mettersi in proprio, la politica aziendale è stata quella di prendere consapevolezza che il sostegno mono cliente, seppure fondamentale per la nascita dell’azienda, non poteva essere la scelta giusta in un’ottica di lungo periodo, era necessario prendere la direzione della diversificazione. Prima mio nonno e poi nostro padre – dice – hanno compreso subito che bisognava allargare il raggio d’azione, per evitare di restare vincolati ad una mono fornitura Olivetti, più rischiosa in caso di crisi”. La vision aziendale è da sempre quella di ampliare l’offerta anche verso nuovi clienti, espandersi in nuovi mercati ma soprattutto in nuovi settori e lo dimostra il fatto che Honestamp ha scelto di investire in un nuovo reparto, quello della prototipazione, destinato a crescere visti i volumi prodotti e le nicchie di mercato raggiunte. Frese, macchine per il taglio laser, elettroerosioni, torni e piegatrici. Anche nelle macchine utensili si manifesta la diversificazione dell’azienda: macchinari speciali per la lavorazione dei diversi materiali. “Quando dobbiamo dare forma ad un foglio di lamiera partendo dal disegno del nostro cliente, mi piace pensare che potremmo essere paragonati ad un pittore in grado di creare un’opera d’arte partendo da una semplice tela bianca, la sola differenza è che tutto questo noi riusciamo a produrlo in serie e in tempi rapidi”. Valore per il territorio e innovazione continua sono i colori impressi sulla tela di Honestamp.