Asili nido e famiglie:
ultimo giorno per i voucher

30

Contributi alle donne per affrontare le difficoltà di coniugare impegni lavorativi e familiari e alle famiglie per sostenere le spese economiche di assunzione di un assistente familiare. Ultimo giorno di Contributi alle donne per affrontare le difficoltà di coniugare impegni lavorativi e familiari e alle famiglie per sostenere le spese economiche di assunzione di un assistente familiare. Ultimo giorno di tempo oggi, sabato 28 febbraio, per partecipate al bando lanciato dal Comune di Napoli che ha aderito al programma “Voucher sociali a finalità multipla” finanziato dalla Regione Campania. I voucher Il Comune intende garantire l’erogazione di tre differenti tipologie di voucher: per il servizio nido e micronido comunale o privato ci sono i voucher di conciliazione A1 che ricoprono o rimborsano totalmente o parzialmente la quota di contribuzione mensile dei servizi rivolti a minori di età compresa tra 0 e 36 mesi. Il voucher di conciliazione A2 “servizi di cura minori 0/12 anni” rimborsa, invece, totalmente o parzialmente la quota di contribuzione mensile per i servizi rivolti a minori di età compresa tra 0 e 12 anni, erogati da strutture pubbliche o private. La terza tipologia è rappresentata dal voucher per il sostegno economico alle famiglie “B” che rimborsa, totalmente o parzialmente, le spese sostenute per l’assunzione di un assistente per la cura del proprio familiare anziano non autosufficiente (over 65) o persona disabile anche non convivente. Beneficiari Per l’assegnazione dei voucher A1 e A2 possono presentare domanda le madri in possesso di precisi requisiti: cittadinanza italiana o di uno Stato membro dell’Unione Europea o di una nazione non facente parte dell’Unione Europea in possesso di regolare permesso di soggiorno da almeno tre anni; residenza nel Comune di Napoli; responsabilità di cura nei confronti di minori a carico di età compresa tra 0 e 12 anni, inclusi minori adottati o affidati; donne impegnate in attività lavorative; in procinto di stipulare un contratto di lavoro o inoccupate/disoccupate che frequentino un corso di formazione o titolari di una borsa lavoro/tirocinio. In questi casi il contributo, della durata massima di 12 mesi, può raggiungere un importo mensile massimo di 150 euro per un figlio; 100 euro per ogni figlio aggiuntivo (fino ad un tetto di 350 euro). Per accedere agli aiuti il reddito annuo non deve superare i 24mila euro. Sostegno alle famiglie Per il voucher di tipo “B” possono presentare domande le famiglie residenti nel Comune di Napoli titolari della responsabilità di cura nei confronti di persona anziana a carico, anche non convivente (over 65) parente fino al terzo grado, che abbiano sottoscritto un contratto di lavoro con un assistente familiare per un minimo di 25 ore settimanali. L’importo massimo mensile del contributo potrà arrivare a 300 euro. Le domande vanno consegnate a mano al Comune di Napoli entro oggi.


Contributi fino a 350 euro per 12 mesi Le tipologie previste Voucher di conciliazione A1 (servizio nido e micronido comunale o privato) Voucher di conciliazione A2 (servizi di cura minori 0/12 anni) Voucher per il sostegno economico alle famiglie, B Chi può partecipare Madri lavoratrici residenti nel Comune di Napoli Famiglie residenti nel Comune di Napoli Contributo massimo 350 euro per i voucher A1 e A2 300 euro per il voucher B Scadenza 28 febbraio 2015
VOUCHER-SOCIALI-COMUNE-NAPOLI.pdf