Asmel, pioggia multe ai Comuni per norma vecchia di 30 anni

27
 
Una pioggia di multe di quasi due milioni di euro sui Comuni italiani per una norma mai applicata vecchia di 30 anni e superata da 17 anni da una nuova norma e dall’avvento delle nuove tecnologie. Una storia paradossale denunciata da Asmel, l’associazione italiana per la modernizzazione degli Enti Locali che unisce oltre 2200 Enti Locali di tutto il Paese, in una lettera aperta ai Sindaci italiani convocati domani a Napoli (ore 9.30 Hotel Ramada) al Forum degli Enti Locali al quale prenderanno parte tra gli altri il sottosegretario al ministero delle Infrastrutture, Umberto Del Basso De Caro e il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. “Da tutt’Italia – spiega il segretario generale di Asmel, Francesco Pinto – riceviamo segnalazioni di sindaci raggiunti da raccomandate Istat che contestano la violazione dell’art. 7 del D.lgs. 322/1989 per aver ‘omesso di fornire i dati e le notizie richieste sulla rilevazione statistica sui permessi a costruire’. La norma è vecchia di quasi trent’anni (28 anni per la precisione), prevede l’irrogazione di multe, pari ad ? 1.032,00, ma non aveva mai trovato applicazione. Sulla base delle segnalazioni e delle richieste di intervento sinora raccolte sono circa mille e cinquecento i Comuni finora coinvolti. Ma i numeri sono destinati ad aumentare. E nel frattempo siamo già ad una richiesta complessiva che supera il milione e mezzo di euro e viaggia verso i due milioni”.