Assistenza vittime di tratta: ai progetti campani contributi fino a 1,3 mln

59


Vittime di tratta e grave sfruttamento: è online il bando della presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le pari opportunità, che prevede il finanziamento di progetti attuati a livello territoriale finalizzati ad assicurare, in via transitoria, ai soggetti destinatari adeguate condizioni di alloggio, vitto e assistenza sanitaria e, successivamente, la prosecuzione dell’assistenza e dell’integrazione sociale.

Risorse
A disposizione ci sono 22,5 milioni di euro, circa 8 milioni in più rispetto alla dotazione del bando 2016, anche alla luce dell’aumento dei flussi immigratori e delle necessità di assistenza per minori stranieri non accompagnati vittime di tratta. Particolare attenzione anche alle vittime di grave sfruttamento lavorativo, in base alla legge numero 199 del 2016 sul caporalato.

Progetti
I contributi sono destinati a progetti attuati a livello territoriale che mirano ad assicurare alle vittime di tratta e sfruttamento, in via transitoria, adeguate condizioni di alloggio, vitto e assistenza sanitaria e, successivamente, la prosecuzione dell’assistenza e dell’integrazione sociale.

Chi può partecipare
Le proposte possono essere presentate da Regioni e Province autonome di Trento e di Bolzano; Comuni, Città metropolitane, Comunità montane, unioni di Comunità montane, unioni di Comuni e loro consorzi; soggetti privati convenzionati iscritti nell’apposita sezione del Registro delle associazioni e degli enti che svolgono attività a favore degli immigrati.

Destinatari
Sono destinatari dei progetti le persone straniere e i cittadini indicati all’articolo 18, comma 6-bis del decreto legislativo 25 luglio 1998, numero  286, vittime dei reati previsti dagli articoli 600 e 601 del codice penale, o che versano nelle ipotesi di cui al comma 1 dello stesso articolo 18, includendo anche i richiedenti protezione internazionale, i titolari di protezione internazionale/umanitaria e le persone individuate come vittime o potenziali vittime di tratta al momento dello sbarco o presso aree di frontiera terrestre.

Durata e contributi
I progetti hanno una durata di 15 mesi e devono essere avviati il 1° dicembre 2017.
La richiesta di finanziamento per ciascun intervento dovrà essere compresa entro l’importo massimo previsto per ciascun ambito territoriale individuato dal bando. In particolare per la Campania il tetto massimo è di 1.350.000 euro a progetto.

Scadenza
La scadenza per la presentazione dei progetti è fissata al 25 settembre 2017. Alla domanda dovrà essere allegato un preventivo economico suddiviso per tipologie di spesa: costo del personale;mezzi e attrezzature per i servizi di assistenza; spese di gestione dei servizi di emersione, presa di contatto, tutela, prima assistenza,integrazione sociale, seconda accoglienza per formazione professionale e inserimento lavorativo, distintamente ripartiti; costi generali; spese di produzione e divulgazione materiali.
Per fornire ai soggetti interessati maggiori informazioni sulle modalità di partecipazione al bando è stato organizzato un Info day, in programma l’11 luglio alle ore 11, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

SCARICA IL BANDO
http://www.pariopportunita.gov.it/media/3154/bando-tratta-2-2017.pdf

TABELLA
Risorse complessive
22,5 milioni
Contributi
Fino a 1.350.000 euro a progetto (per la Regione Campania)
Chi può partecipare
Regioni e Province autonome di Trento e di Bolzano
Comuni, Città metropolitane, Comunità montane, unioni di Comunità montane, unioni di Comuni e loro consorzi
Soggetti privati convenzionati iscritti nell’apposito Registro
Durata dei progetti
15 mesi con avvio il 1° dicembre 2017
Scadenza
25 settembre 2017