Astaldi, nuove commesse per 400 mln in Cile, Honduras e Polonia

308

Il Gruppo Astaldi è risultato aggiudicatario in via definitiva di tre nuovi contratti di costruzione, per complessivi 400 milioni di euro circa in quota Astaldi, riferiti a progetti in Cile, Polonia e Honduras. Il primo progetto riguarda la costruzione dell’Ospedale Barros Luco Trudeau di Santiago del Cile, per un importo di 270 milioni di euro. La commessa prevede la progettazione e la costruzione di una nuova struttura sanitaria nel centro cittadino, accanto all’attuale Ospedale Barros Luco, tuttora in funzionamento. Il nuovo complesso renderà disponibili 967 posti letto e 28 sale operatorie, su una superficie complessiva di 200.000 metri quadrati circa, suddivisi su 2 edifici da 10 piani. Altro contratto (113 milioni di euro) in Honduras per il Progetto Idroelettrico Arenal. La commessa prevede l’esecuzione delle opere civili necessarie alla realizzazione di una diga in RCC (altezza massima pari a 93,5 metri), oltre che di circa 6 chilometri di gallerie idrauliche e opere connesse. La durata dei lavori è pari a 33 mesi, con avvio entro il 2017.
La terza commessa riguarda la costruzione di un termovalorizzatore per il trattamento dei rifiuti urbani dell’area metropolitana Danzica-Gdinia-Sopot. La durata prevista per la realizzazione è pari a 48 mesi, di cui 12 mesi per la progettazione e 36 mesi per la costruzione. Con queste acquisizioni, i nuovi ordini del periodo si attestano a 2,6 miliardi di euro, prevalentemente riferiti ad attività “core” (costruzione e O&M) da eseguire in aree geografiche a rischio più contenuto rispetto al passato.