Astronomia, dal Cile le immagini della galassia con strascico: ecco la sua storia

132

Nasconde un terribile passato da cannibale, l’elegante galassia ellittica Ngc 5018, vestita con tanto di ‘strascico’ nella costellazione della Vergine: proprio la coda di gas e stelle è la prova della sua turbolenta formazione, fatta di fusioni e inglobamento di galassie più piccole. Lo dimostrano le immagini ottenute col telescopio Vst (Vlt Survey Telescope) dell’Osservatorio europeo meridionale (Eso) in Cile da un gruppo internazionale guidato da Marilena Spavone, dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) di Napoli. Lo studio, in via di pubblicazione su The Astrophysical Journal, fornisce preziose informazioni sull’evoluzione delle galassie. Una sfida che vede il telescopio Vst protagonista: progettato per mappare in dettaglio il cielo dell’emisfero sud, è frutto di una joint venture tra l’Eso, che gestisce la struttura, e l’Inaf di Napoli, che ha prodotto il telescopio con la collaborazione degli osservatori di Padova e Arcetri. “La maggior parte delle galassie nell’Universo si trova in gruppi, il cui studio è cruciale per la comprensione dell’evoluzione delle galassie”, spiega Spavone. “Nei gruppi le interazioni tra galassie sono molto lente e questo fa sì che una grande quantità di gas e stelle venga strappato dalle galassie in gioco formando strutture spettacolari”, come l’esteso filamento di luce che collega Ngc5018 con la vicina Ngc5022. “Le peculiarità di questa galassia sono indice di una storia di formazione fatta di fusioni e cannibalismo di galassie più piccole. Le forze gravitazionali in gioco durante tali processi hanno lasciato traccia nella struttura della galassia, sotto forma di grandi archi di stelle, code mareali, ‘ventagli’ di materiale diffuso e complesse ragnatele di polvere, che perturbano la luce nel centro e dominano nelle regioni più esterne”, aggiunge la ricercatrice. Il progetto è parte della survey Vegas (Vst Early-type Galaxy Survey), che vuole esaminare un ampio campione di galassie ellittiche in diversi ambienti, dai gruppi agli ammassi di galassie, per studiarne la formazione.