Attentato Barcellona, a Napoli bandiere a mezz’asta a Palazzo S. Giacomo

62

Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha disposto stamani le bandiere di Palazzo San Giacomo, sede del Comune, e del Consiglio Comunale, a mezz’asta in segno di lutto per l’atroce attentato terroristico di Barcellona. Lo riferisce una nota diffusa dal Comune di Napoli.

“L’attacco dell’Isis è al cuore del Mediterraneo e costituisce un ulteriore salto di qualità pericolosissimo che questa organizzazione criminale e terroristica ha messo in atto colpendo una delle città simbolo della nostra Europa” dice il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ai microfoni di Rtl 102,5. De Magistris esprime ”dolore profondo” ed ha sottolineato “l’ottimo rapporto” che lui personalmente ha con la sindaca di Barcellona Ada Colau. “Barcellona – ha aggiunto – è una città a cui siamo molto legati, tra le due città c’è un legame storico fatto di libertà, di mare, di accoglienza, di solidarietà, di gioia di vivere, di sofferenze e di mescolanza di culture e popoli”.

“Compito dei governi occidentali ed europei non è solo garantire la sicurezza di tutti noi cittadini, ma è anche andare a sconfiggere a monte le ragioni del terrorismo che per troppi anni sono state sottovalutate”, dice il sindaco di Napoli sul tema della sicurezza. Secondo de Magistris “è importante non consentire al terrorismo di modificare il nostro modo di vivere così come è importante capirne le ragioni”.
“Il miglior antidoto – ha aggiunto – sono la solidarietà, la pace, la non violenza perché in questi anni nel mondo sono state costruite comunità del rancore che hanno alimentato odio e in quell’odio è nato il terrorismo che, non dobbiamo dimenticare, viene finanziato e armato”.

Sul fronte della sicurezza interna, l’ex pm nell’evidenziare che “a questi livelli è compito precipuo dello Stato garantire la sicurezza”, ha anche affermato che “i sindaci fanno la loro parte cercando di mettere in campo tutte le misure di prevenzione possibile di fronte ad attacchi che la storia non ha mai conosciuto”. Dal sindaco di Napoli è stata anche sottolineato l’importanza della “vigilanza democratica che ogni cittadino può svolgere se vede qualcosa di anomalo”.