“Auguri a Hitler”, bufera su prof

20

(AdnKronos) – A sollevare il caso sono stati gli Antirazzisti Piceni, che sulla loro pagina Facebook hanno pubblicato lo screenshot del post, con un commento i cui si spiega l’accaduto.

“L’Italia è una Repubblica democratica ed antifascista, e la sua scuola pubblica ha tra i suoi compiti quello di educare al valore e significato dei principi su cui si fonda la Costituzione di questo paese – scrive il Comitato – Non deve dunque esistere alcun ruolo pubblico per chi non solo disconosce i principi basilari e fondanti del convivere democratico, ma addirittura manifesta aperta simpatia con l’emblema incarnato della negazione non solo di tutti i principi democratici che ci identificano, ma addirittura dei diritti umani. Il ‘secondo collaboratore’ dell’Istituto di Agraria di Ascoli Piceno che festeggia oggi sui social il compleanno di Hitler deve essere coerente con la sua visione malata e criminale del mondo e lasciare il suo ruolo di educatore immediatamente, per manifesta incompatibilità di principio. Altrimenti siano le autorità a cancellare a buon diritto l’onta di una tale compatibilità da una scuola di questa Repubblica, a garanzia dei suoi valori fondanti”.