10.8 C
Napoli
giovedì, Giugno 20, 2024
Home Autori Articoli di Pezzi di vetro di Alfonso Ruffo

Pezzi di vetro di Alfonso Ruffo

526 ARTICOLI 0 Commenti
Alfonso Ruffo

Intelligenza artificiale, se la conosci non la eviti

L’intelligenza artificiale fa paura. Anche a chi la pratica servendosene per quello che può o che sa. Che non è mai molto ed è soggetto a cambiamenti repentini e quasi sempre inaspettati. Perfino un mago della finanza come Warren Buffet è stato spiazzato dalla decisione di Tim Cook di integrarne l’applicazione sui propri dispositivi vendendo le azioni della Apple...

Imprese e finanza, un matrimonio che s’ha da fare

Un interessante articolo di Carmine Fotina sul Sole 24 Ore induce a qualche riflessione. Istituito nel 2019 (quindi cinque anni fa) con una dotazione di 250 milioni a valere sul Fondo di sviluppo e coesione, lo strumento finanziario gestito da Invitalia e conosciuto con il nome di Cresci al Sud ha finora portato a termine nove operazioni in tutto...

Banca d’Italia, le condizioni di Panetta per restare in gioco

Vista dall’alto l’Europa può avere le sembianze di uno stagno la cui portata progressivamente si riduce. E così appare nelle Considerazioni finali del governatore della Banca d’Italia Fabio Panetta (alla sua prima assemblea) che ricorda come il peso del vecchio continente sul Pil globale sia sceso negli ultimi venti anni dal 26 al 18 per cento. Questo mentre gli...

Confindustria, Orsini: un’agenda per crescere

Cravatta azzurra, camicia bianca, giacca bleu. Quando raggiunge i giornalisti che lo aspettano nell’ampia sala Pininfarina Emanuele Orsini è presidente di Confindustria da più di ore avendo incassato la quasi unanimità dei consensi in assemblea. D’altra parte, dopo una campagna elettorale dura e affollata è arrivato da solo al traguardo del Consiglio generale che lo ha designato il 4...

Napoli criminale, più miseria che nobiltà

Riciclaggio, prestanomi, usura, camorra, mafia. È fatto anche di questo l’economia di Napoli (manteniamo l’obiettivo su di lei ma potremmo allargarlo all’intero Paese). Non è una sorpresa per nessuno. Eppure, ogni volta che un episodio di cronaca ne fornisce la conferma si riparte con le analisi e le solite considerazioni. Necessarie, per carità, ma forse non sufficienti. La scoperta della...

Umberto Minopoli, il coraggio dell’anticonformismo

Competenza, coraggio e anticonformismo sono tre qualità rare. Ancora più raro ritrovarle in una stessa persona. Eppure, se c’è stato un filo conduttore nel ricordare a un anno dalla morte Umberto Minopoli è stato proprio l’unanime riconoscimento del suo tratto professionale arricchito da quello personale: tenace fino alla testardaggine, impetuoso, generoso. Umberto è stato molte cose: attivista politico maturato negli...

Bagnoli: studio, lavoro paziente, persuasione

Il lavoro paziente comincia a dare i suoi frutti. Qualche giorno fa il ministro Raffaele Fitto, a nome del governo, ha dato la notizia che il Consiglio dei ministri ha varato il decreto Coesione che porta in pancia 1,2 miliardi per il completamento della bonifica di Bagnoli – a terra e a mare – e per la dotazione infrastrutturale...

Libertà e giustizia sociale, rifondare l’Italia e l’Europa

La bocciatura da parte dell’Italia (degli esponenti dei partiti che la rappresentano a Bruxelles) del nuovo Patto europeo di stabilità e crescita – non crescita e stabilità come sarebbe stato più saggio - fornisce lo spunto per qualche considerazione generale sullo stato psicofisico del Paese e delle sue istituzioni. L’astensione e il voto contrario che hanno contraddistinto la posizione italiana...

Europa, Italia: la disunione fa la debolezza

Unire in Europa, dividere in Italia. Si potrebbe semplificare così l’osservazione dei fenomeni e delle discussioni sovrastanti che si manifestano in questi tempi, in questi giorni, con più evidenza che in passato. Da una parte due ex premier come Mario Draghi ed Enrico Letta, incaricati di offrire gli spunti per una nuova governance comunitaria, concordano nel chiedere l’accelerazione dei...

Napoli, la piccola grande rivoluzione dei tassisti

Un episodio di quella che potrebbe apparire come cronaca minima rischia (in positivo) di avere effetti incoraggianti sulla sicurezza, la reputazione e la capacità di attrazione di una città bella e dannata come Napoli. Più della promessa di grandi progetti e investimenti avveniristici perché incide su una cosa che si tocca, si pesa, si vede. Parliamo della decisione del...
- Advertisement -



Ricevi notizie ogni giorno