10.8 C
Napoli
domenica, Giugno 16, 2024
Home Autori Articoli di I caffè liberali di Antonluca Cuoco

I caffè liberali di Antonluca Cuoco

59 ARTICOLI 0 Commenti

Può bastare coi capitalismi all’italiana

Conversazione con Carnevale Maffè. Il nostro paese si è spesso distinto per essere stato (ed essere, ancora troppe volte) la patria di quello che all’estero viene definito “crony capitalism”: il capitalismo di relazione. Un esempio per tutti: il sistema di gestione e controllo delle tante banche popolari sul territorio nazionale. In mancanza di seri e autorevoli azionisti di riferimento...

Imprenditori cinesi simili ai nostri anni ’50

Negli anni settanta, quella cinese era un’economia di stampo comunista e socialista, chiusa e prevalentemente agricola. Attraverso un percorso ricco di contraddizioni e paradossi, da paese rigidamente chiuso nei confronti dell'esterno, la Cina è diventata una delle principali potenze economiche a livello mondiale. Il potenziale di crescita della Cina è ancora grande, tuttavia può essere ostacolato dalla propensione dei...

Biointegralisti contro l’innovazione, il sonno della ragione

Antonio Pascale, ispettore del ministero dell’Agricoltura: Serve più scienza, non meno. Vi spiego perchéIl progresso dell’agricoltura italiana e mondiale è un dato ormai acclarato che offre evidenze solide di come la scienza abbia migliorato la qualità della vita dei contadini e dei consumatori, incrementando la produttività ma anche la sicurezza. Sembrerebbe inutile attardarsi in nostalgiche rievocazioni di un presunto paradiso,...

Il male antico del Meridione: incolpare gli altri del suo mancato sviluppo

Conversazione con il giornalista e scrittore Vladimiro Bottone Ogni anno la associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno – Svimez - ci presenta il suo Rapporto sul Sud, con annessi dati e moniti di circostanza. Anche quest’anno, i numeri continuano a rappresentare un Pil negativo per il settimo anno consecutivo, un divario con il Nord ai livelli del 2000...

Se il mercato fa rima con democrazia

Raffaele De Mucci: La ricetta contro le élite di rapina? Limitare l’onnipotenza dei governi Pare che l'anno da poco terminato si sia rivelato, dopo la fine della Guerra fredda, il più tormentato da sanguinose violenze ed aggressioni spietate, tra l’altro tutt’ora in corso. Nell’ultimo ventennio, assieme allo scorso “ordine mondiale”, sembra essere saltata qualunque forma, ancorché rudimentale, di governance globale....

Sharing economy, la libertà è ricchezza

Parla Stifanelli, manager di Airbnb, il sito che sta rivoluzionando il business dell’ospitalità Come spendere 100 € al mese viaggiando per 6 mesi? Come far nascere la prima banca italiana grazie al crowdsourcing? Come viaggiare in limousine a Roma e Milano con un click? E’ la sharing economy, bellezza, ci direbbe Humphrey Bogart. Volendo tradurre il concetto di Sharing...

Così Stati e banche centrali hanno distorto il mercato

Il debito pubblico italiano è l'emergenza della nostra epoca: la sua presenza è una minaccia costante per il nostro futuro, per i nostri sogni e progetti. Creatura quasi mitologica per le giovani generazioni, condiziona e condizionerà la nostra vita personale, riducendo la nostra capacità decisionale, incidendo direttamente nella vita di ogni giorno. La crisi finanziaria che stiamo ancora vivendo...

Competere? Gli italiani preferiscono le corporazioni

Uno dei sommi problemi del funzionamento della democrazia italiana è legato alla stabilità degli esecutivi. Abbiamo un sistema ereditato dalla costituzione del 1948 che funzionava perfettamente ai tempi della guerra fredda ma oggi è del tutto anacronistico. Ricordiamo inoltre che la forma di governo non è neutra rispetto alle scelte di politica economica. Come è stato documentato dal lavoro...

Il Sistema Italia è inefficiente e partorisce populismo

Guzzetta: "Rimango convinto che il semi-presidenzialismo sia la soluzione migliore per l’Italia, in quanto la nostra tradizione ha assegnato al Presidente della Repubblica un ruolo di equilibratore del sistema politico che la riforma in discussione non affronta." Il nostro Paese è malato grave. La malattia non è preoccupante solo per il livello di pressione fiscale letale alla libera impresa,...

Concorrenza, bene pubblico

Siamo un Paese liberalizzato poco più che a metà e quando vogliamo ragionare di quanto il Paese in cui viviamo risulti esser libero, appare sempre utile studiare dati ed evidenze per svolgere riflessioni puntuali. L’Indice di liberalizzazione dell’Istituto Bruno Leoni stima, ogni anno, quanto il mercato italiano sia “libero” da vincoli e monopoli e secondo l’ultimo Indice del 2014,...
- Advertisement -



Ricevi notizie ogni giorno