10.8 C
Napoli
sabato, Maggio 25, 2024
Home Autori Articoli di Osservatorio Globale di Giancarlo Elia Valori

Osservatorio Globale di Giancarlo Elia Valori

607 ARTICOLI 0 Commenti
Giancarlo Elia Valori (Meolo, 27 gennaio 1940) è attualmente alla guida delle società International World Group (https://www.internationalworldgroup.it) e Global Strategic Business, della Delegazione italiana della Fondazione Abertis e di Huawei Technologies Italia. Inoltre riveste la carica di vicepresidente del prestigioso Isituto Weizmann di Parigi, ed è membro di Ayan-Holding, dell’Advisory Board School of Business Administration College of Management di Israele e dell’ Advisory Committee dell’historical-technical Journal “Conservation Science in Cultural Heritage”. Tra gli innumerevoli incarichi ricoperti, merita particolare attenzione perché non di dominio pubblico anche il diniego che il professor Giancarlo Elia Valori ha espresso alla proposta alla guida del Dicastero dell’Agricoltura offertagli dal Presidente Carlo Azeglio Ciampi e del Dicastero dei Lavori Pubblici dall’onorevole Massimo d’Alema. Valori è nominato dal Presidente Francesco Cossiga consigliere al Palazzo del Quirinale e negli anni 1986 – 2001 è alla guida di innumerevoli missioni di rilievo internazionale portando a conclusione questioni delicate e sino ad allora irrisolte. Elenchiamo esemplificando gli istituti universitari in cui ha docenza il Professor Giancarlo Elia Valori. Già docente in “Scienze della comunicazione nelle relazioni internazionali” presso la Facoltà di lettere e filosofia della Libera Università Maria SS. Assunta di Roma, attualmente esercita l’attività di “professore straordinario” di Economia e politica internazionale presso la Peking University, uno dei più antichi e prestigiosi atenei della Cina, dove vengono formati i futuri dirigenti. Presiede Cattedre in prestigiosi Atenei: la Yeshiva University di New York (Presidente della Cattedra della pace nel pensiero politico ebraico italiano presso la Facoltà di scienze politiche), Hebrew University di Gerusalemme (Presidente della Cattedra per gli studi sulla pace e la cooperazione internazionale), Peking University (Presidente della Cattedra della pace, della sicurezza e dello sviluppo internazionale presso la Facoltà di relazioni internazionali), nonché di Direttore del Comitato consultivo dell’Istituto per gli Studi Internazionali. Negli stessi atenei di Pechino e Gerusalemme, presiede inoltre, rispettivamente, il “Centro Euro-Cina”, un apprezzato organismo che contribuisce a sviluppare e rendere più fecondi gli interscambi fra paesi di culture diverse, mentre a Gerusalemme riveste la carica di Direttore di uno specifico corso di laurea, nella facoltà di Giurisprudenza, aperto sia a studenti ebrei che arabi. Tra i tantissimi riconoscimenti merita una menzione particolare il titolo di Honorable, conferitogli il 18 febbraio 2002 “per il suo impegno unico e preziosissimo e per le azioni intraprese in favore dell’Académie des Sciences dell’Institut de France”. A cui si aggiunse, successivamente, la nomina a “Presidente d’onore” della stessa Fondazione Internazionale. Il Professor Giancarlo Elia Valori “Honorable” è il primo e unico italiano a fregiarsi di un titolo che fu, più di tre secoli fa, del cardinale Giulio Mazzarino. Menzione a parte è riservato al titolo “Legion d’Onore” che l’allora presidente francese Francois Mitterand consegnò a Valori è un riconoscimento “guadagnato sul campo”: quando, nel 1988, riuscì a ottenere la liberazione di tre ebrei, sequestrati in Libano, tre anni prima, dal gruppo islamico battezzato “Organisation de la justice revolutionnaire”. Al Professor Valori venne chiesto da alcuni autorevoli amici, “per così dire internazionali”, di intercedere presso l’allora presidente nordcoreano – Kim Il Sung, conosciuto nel 1975 in Cina durante l’apertura dell’ufficio di corrispondenza Rai – allo scopo di ottenere la liberazione degli ostaggi. Il leader nordcoreano, a seguito dalla richiesta dell’amico Valori, chiese al governo iraniano di esercitare la propria influenza sui sequestratori e, il 5 maggio 1988, Jean Paul Kauffmann, giornalista della televisione francese, Marcel Fontane e Marcel Carton, operatori della stessa emittente, vennero finalmente rimessi in libertà. E solo dieci anni dopo, dallo scioglimento del segreto di stato, si venne a sapere che questo fu possibile grazie all’intervento di un autorevole cittadino italiano. E’ molto significativo ricordare un passo dell’intervento dell’allora ambasciatore di Francia a Roma che, nel consegnare a Valori le insegne di “Cavaliere della Legion d’Onore” per meriti speciali da parte del presidente Mitterand, così si espresse: “il professor Valori è un uomo che sa guardare al di là delle proprie frontiere per comprendere il mondo. Ma è anche un vero europeo che non dimentica quanto l’Europa sia il suo stesso Paese e come attraverso lo sviluppo di ciascuno possa essere costruito e fondarsi l’avvenire di tutti…” Molto stimato in Francia, a seguito del conferimento all’ambita decorazione di “Officier della Legion d’Onore”, Giancarlo Elia Valori è entrato a far parte di una elite ristrettissima di personalità particolarmente autorevoli oltralpe. Ma tanti altri sono i Paesi che hanno voluto annoverarlo fra i personaggi più stimati e ammirati, attribuendogli alti e significativi riconoscimenti. Tra cui il suo amatissimo Paese, dove ha ricevuto le massime onorificenze di Cavaliere di Gran Croce e di Cavaliere del Lavoro al Merito della Repubblica Italiana.

L’intelligenza artificiale e i progressi della fisica nel campo delle onde gravitazionali. 1

Essendo un ramo importante delle scienze naturali, la fisica studia le leggi e i fenomeni fondamentali come la materia, l’energia, la meccanica e il movimento, fornendo un’importante base teorica affinché gli esseri umani comprendano ed esplorino il mondo naturale: per la precisione, la fisica modellizza matematicamente la natura. Con il progresso della scienza e della tecnologia e il rapido sviluppo...

L’intelligenza artificiale e i progressi della chimica. 2

Come precedentemente abbiamo visto, nel corso dei recenti anni i tipi di rappresentazione chimica hanno sviluppato diversi sottotipi; però sfortunatamente, non esiste una risposta chiara su quale sia la rappresentazione più efficiente per un particolare problema. Ad esempio, le rappresentazioni delle matrici sono spesso la prima scelta per la previsione degli attributi, ma negli ultimi anni anche i grafici...

L’intelligenza artificiale e i progressi della chimica. 1

Con l’avvento della tecnologia dell’intelligenza artificiale, nel campo della chimica, i metodi tradizionali basati su esperimenti e modelli fisici vengono gradualmente integrati con paradigmi di machine learning basati sui dati. Sono sviluppate sempre più rappresentazioni di dati per l’elaborazione informatica, che vengono costantemente adattate a modelli statistici che sono principalmente generativi. Anche se l’ingegneria, la finanza e il business trarranno...

L’intelligenza artificiale che guarda al passato: archeologia tradizionale e archeologia tecnologica. 2

La scienza archeologica è una scienza che si sta consolidando man mano e si sviluppa e migliora continuamente mentre vengono messi in discussione e verificati le ricerche. L’archeologia si riferisce principalmente oggi alla scienza archeologica tradizionale che è diversa dalla disciplina o al campo dell’“industria” dell’archeologia tecnologica. Quest’ultima tratta di uno stadio di sviluppo più elevato. I suoi metodi,...

L’intelligenza artificiale che guarda al passato: lo sviluppo dell’archeologia contemporanea. 1

Negli ultimi anni, l’avvento dell’intelligenza artificiale ha rivoluzionato il campo dell’archeologia. Tale tecnologia all’avanguardia sta rimodellando il modo in cui scopriamo e interpretiamo i segreti del passato, consentendo l’analisi di grandi quantità di dati in una frazione del tempo, la cui analisi tempo addietro avrebbe impiegato anni o addirittura decenni ai ricercatori umani. L’ascesa dell’intelligenza artificiale in archeologia non...

IA e nuovo ordine mondiale: i sei principi dell’Intelligenza artificiale (VIII)

Se guardiamo al mondo dalla prospettiva del gioco a somma zero e della ricerca della sicurezza assoluta, non c’è dubbio che l’intelligenza artificiale diventerà il nuovo fulcro della competizione tra le maggiori potenze, proprio come le bombe atomiche e i satelliti fra gli anni Quaranta e Cinquanta del sec. XX. Essa sarà la forza principale che dividerà il pianeta...

La tecnologia dell’intelligenza artificiale e i progressi nella medicina

L’intelligenza artificiale sta mietendo successi anche in campo medico. Applicazioni specifiche della sua tecnologia includono analisi e gestione del rischio, ricerca medica, medical imaging e diagnosi medica, gestione e supervisione dello stile di vita, salute mentale, assistenza infermieristica, gestione del pronto soccorso e dell’ospedale, estrazione di farmaci, assistenti virtuali, ecc. Soffermiamoci un attimo sul medical imaging. Con il termine si’intende,...

IA e nuovo ordine mondiale: i dati e le regole, il buono e il cattivo (VII)

A livello di regole e sistemi – prendendo come esempio i dati statistici e anagrafici – nella storia moderna dell’umanità (perlomeno dal sec. XVII), la comunità internazionale ha successivamente formato un quadro completo per la circolazione transfrontaliera di persone fisiche, di navi – e in seguito treni, auto ed aeromobili – e di capitali e merci attraverso norme e...

IA e nuovo ordine mondiale: sicurezza, mondo “multiplex”, shock e guerre telepilotate (V)

Uno degli argomenti più preoccupanti dell’intelligenza artificiale e che essa può anche fornire a terroristi, hacker informatici, malavita organizzata, ecc. nuovi strumenti di criminalità. Ad esempio, i terroristi possono manipolare a distanza droni o veicoli senza pilota per eseguire attività di assassinio e sabotaggio contro obiettivi e gli hacker possono utilizzare armi di big data per eseguire offensive su...

Intervista sul vertice Brics di Johannesburg in Sud Africa

Il 22 agosto a Johannesburg, in Sud Africa, si terrà il vertice BRICS. Come interpreti questo vertice? Quali sono le tue aspettative? Va subito detto che il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha con entusiasmo fissato nella Repubblica Sudafricana lo storico XV vertice dei Paesi del BRICS: Brasile, Repubblica Popolare della Cina, India, Russia, e Rep. Sudafricama. Sarà il primo vertice...
- Advertisement -



Ricevi notizie ogni giorno