10.8 C
Napoli
lunedì, Maggio 20, 2024
Home Autori Articoli di Osservatorio Globale di Giancarlo Elia Valori

Osservatorio Globale di Giancarlo Elia Valori

606 ARTICOLI 0 Commenti
Giancarlo Elia Valori (Meolo, 27 gennaio 1940) è attualmente alla guida delle società International World Group (https://www.internationalworldgroup.it) e Global Strategic Business, della Delegazione italiana della Fondazione Abertis e di Huawei Technologies Italia. Inoltre riveste la carica di vicepresidente del prestigioso Isituto Weizmann di Parigi, ed è membro di Ayan-Holding, dell’Advisory Board School of Business Administration College of Management di Israele e dell’ Advisory Committee dell’historical-technical Journal “Conservation Science in Cultural Heritage”. Tra gli innumerevoli incarichi ricoperti, merita particolare attenzione perché non di dominio pubblico anche il diniego che il professor Giancarlo Elia Valori ha espresso alla proposta alla guida del Dicastero dell’Agricoltura offertagli dal Presidente Carlo Azeglio Ciampi e del Dicastero dei Lavori Pubblici dall’onorevole Massimo d’Alema. Valori è nominato dal Presidente Francesco Cossiga consigliere al Palazzo del Quirinale e negli anni 1986 – 2001 è alla guida di innumerevoli missioni di rilievo internazionale portando a conclusione questioni delicate e sino ad allora irrisolte. Elenchiamo esemplificando gli istituti universitari in cui ha docenza il Professor Giancarlo Elia Valori. Già docente in “Scienze della comunicazione nelle relazioni internazionali” presso la Facoltà di lettere e filosofia della Libera Università Maria SS. Assunta di Roma, attualmente esercita l’attività di “professore straordinario” di Economia e politica internazionale presso la Peking University, uno dei più antichi e prestigiosi atenei della Cina, dove vengono formati i futuri dirigenti. Presiede Cattedre in prestigiosi Atenei: la Yeshiva University di New York (Presidente della Cattedra della pace nel pensiero politico ebraico italiano presso la Facoltà di scienze politiche), Hebrew University di Gerusalemme (Presidente della Cattedra per gli studi sulla pace e la cooperazione internazionale), Peking University (Presidente della Cattedra della pace, della sicurezza e dello sviluppo internazionale presso la Facoltà di relazioni internazionali), nonché di Direttore del Comitato consultivo dell’Istituto per gli Studi Internazionali. Negli stessi atenei di Pechino e Gerusalemme, presiede inoltre, rispettivamente, il “Centro Euro-Cina”, un apprezzato organismo che contribuisce a sviluppare e rendere più fecondi gli interscambi fra paesi di culture diverse, mentre a Gerusalemme riveste la carica di Direttore di uno specifico corso di laurea, nella facoltà di Giurisprudenza, aperto sia a studenti ebrei che arabi. Tra i tantissimi riconoscimenti merita una menzione particolare il titolo di Honorable, conferitogli il 18 febbraio 2002 “per il suo impegno unico e preziosissimo e per le azioni intraprese in favore dell’Académie des Sciences dell’Institut de France”. A cui si aggiunse, successivamente, la nomina a “Presidente d’onore” della stessa Fondazione Internazionale. Il Professor Giancarlo Elia Valori “Honorable” è il primo e unico italiano a fregiarsi di un titolo che fu, più di tre secoli fa, del cardinale Giulio Mazzarino. Menzione a parte è riservato al titolo “Legion d’Onore” che l’allora presidente francese Francois Mitterand consegnò a Valori è un riconoscimento “guadagnato sul campo”: quando, nel 1988, riuscì a ottenere la liberazione di tre ebrei, sequestrati in Libano, tre anni prima, dal gruppo islamico battezzato “Organisation de la justice revolutionnaire”. Al Professor Valori venne chiesto da alcuni autorevoli amici, “per così dire internazionali”, di intercedere presso l’allora presidente nordcoreano – Kim Il Sung, conosciuto nel 1975 in Cina durante l’apertura dell’ufficio di corrispondenza Rai – allo scopo di ottenere la liberazione degli ostaggi. Il leader nordcoreano, a seguito dalla richiesta dell’amico Valori, chiese al governo iraniano di esercitare la propria influenza sui sequestratori e, il 5 maggio 1988, Jean Paul Kauffmann, giornalista della televisione francese, Marcel Fontane e Marcel Carton, operatori della stessa emittente, vennero finalmente rimessi in libertà. E solo dieci anni dopo, dallo scioglimento del segreto di stato, si venne a sapere che questo fu possibile grazie all’intervento di un autorevole cittadino italiano. E’ molto significativo ricordare un passo dell’intervento dell’allora ambasciatore di Francia a Roma che, nel consegnare a Valori le insegne di “Cavaliere della Legion d’Onore” per meriti speciali da parte del presidente Mitterand, così si espresse: “il professor Valori è un uomo che sa guardare al di là delle proprie frontiere per comprendere il mondo. Ma è anche un vero europeo che non dimentica quanto l’Europa sia il suo stesso Paese e come attraverso lo sviluppo di ciascuno possa essere costruito e fondarsi l’avvenire di tutti…” Molto stimato in Francia, a seguito del conferimento all’ambita decorazione di “Officier della Legion d’Onore”, Giancarlo Elia Valori è entrato a far parte di una elite ristrettissima di personalità particolarmente autorevoli oltralpe. Ma tanti altri sono i Paesi che hanno voluto annoverarlo fra i personaggi più stimati e ammirati, attribuendogli alti e significativi riconoscimenti. Tra cui il suo amatissimo Paese, dove ha ricevuto le massime onorificenze di Cavaliere di Gran Croce e di Cavaliere del Lavoro al Merito della Repubblica Italiana.

I vantaggi per l’UE dalla decennale Belt and Road Initiative

Il presidente cinese Xi Jinping propose la Belt and Road Initiative (BRI, Via della Seta) nel 2013, e a questa hanno fatto eco più di centosessanta Paesi. La popolazione totale rappresenta oltre il 50% del mondo e la scala economica supera i 33%. Tuttavia, l’Europa non ha ancora compreso appieno l’importanza della costruzione della BRI. La ragione di ciò è...

Il significato del viaggio di Kissinger nella RP della Cina

Lo scorso 20 luglio il presidente cinese XiJinping ha sottolineato che Henry Kissinger ha festeggiato da poco il suo centesimo compleanno e ha visitato la Repubblica Popolare della Cina per più di cento volte. La combinazione di queste due “centinaia” rende questa volta la visita nella RP della Cina di particolare significato. Il viaggio di Kissinger in terra cinese, è...

IA e nuovo ordine mondiale: economia e guerra (II)

Nel luglio 2017, il Belfort Center for Science and International Affairs della Harvard Kennedy School ha pubblicato il rapporto Artificial Intelligence and National Security, sostenendo che in futuro l’intelligenza artificiale potrebbe diventare un mezzo di trasformazione paragonabile ad armi nucleari, aerei, computer e tecnologia di sicurezza biotecnologica. Pertanto, è ragionevole includere l’intelligenza artificiale nelle discussioni che possono influenzare le...

Repubblica Popolare della Cina fra problemi ambientali e sicurezza nel cyberspazio

Il Denaro: Xi Jinping
Recentemente, a luglio, il presidente cinese Xi Jinping ha espresso alcuni punti riguardi la protezione ecologica e ambientale. I prossimi cinque anni saranno un periodo cruciale per sostenere uno sviluppo di alta qualità nella Repubblica Popolare della Cina in un ambiente ecologico sostenibile, nonché promuovere la modernizzazione caratterizzata dalla coesistenza armoniosa tra uomo e natura. Xi Jinping ha affermato che...

Wallerstein e il nuovo ordine economico mondiale

Immanuel Wallerstein (1930-2019), conosciuto come uno studioso neo-marxista nel mondo accademico occidentale, è stato professore di sociologia e storia economica presso la Columbia University, la Binghamton University, la McGill University e la Yale University, nonché presidente dell’African Studies Association e dell’International Sociological Association. Ha pubblicato una serie di monografie sull’emergere e lo sviluppo del sistema economico mondiale capitalista, che hanno...

Intelligenza artificiale e nuovo ordine mondiale

Oggi inizieremo a concentrarci sull’analisi di come l’intelligenza artificiale influisca sui cambiamenti nell’ordine mondiale da due aspetti: la struttura e le norme internazionali. In termini di situazione internazionale, l’intelligenza artificiale potrà influenzare l’equilibrio di potere tra i Paesi in campo economico e militare, e anche le capacità degli attori non statali si espanderanno senza precedenti e la concorrenza internazionale...

Iran, tecnologia e innovazione

Nel mondo di oggi, la scienza e la tecnologia avanzano ogni giorno; ma per giocare un ruolo in questo sviluppo, sulla base delle linee guida dello Stato iraniano, richiede una visione corretta e la strada giusta per arrivare dalle realtà esistenti a ciò che deve essere fatto. Il rapporto tra scienza e tecnologia è un rapporto bidirezionale; È chiaro che...

La ricerca di un nuovo ordine economico mondiale in cui le forze emergenti abbiano più peso

Sullo sfondo della crescente instabilità e incertezza nella ripresa economica mondiale e delle gravi sfide alla crescita economica globale, discutere su un nuovo ordine economico mondiale, può diventare una piattaforma importante per promuovere la cooperazione economica internazionale e la ripresa. Di recente, l'impatto profondo della crisi finanziaria internazionale non è stato fondamentalmente eliminato. Il tasso di crescita dell'economia mondiale è...

Progresso di scienza e innovazione in Iran e immobilismo delle colonie occidentali

Il governo iraniano data la nota questione delle sanzioni deve affrontare l'arduo compito di attutire questi shock economici. Esso prevede di definire efficaci meccanismi per tenere testa alle difficoltà attraverso servizi finanziari e manifatturieri, in particolare, poiché l'economia iraniana è caratterizzata da una forte presenza statale in questi settori. Il governo ha intensificato gli sforzi per vendere le sue quote...

Riflessioni sull’intelligenza artificiale. Non è una corsa a chi arriva prima a prendere l’oggetto

Recentemente in merito all’intelligenza artificiale si usano schemi dialogativi che ricordano i primi giorni di quando le bombe atomiche furono lanciate sul Giappone: «E se la Bomba H la possedesse l’Unione Sovietica? La democrazia liberale finirebbe. Perdinci! L’abbiamo lanciata apposta sul Paese del Sol Levante per far paura a Mosca!». Poi una volta che i sovietici la ebbero, al...
- Advertisement -



Ricevi notizie ogni giorno