Home Autori Articoli di Diario Liberale di Roberto Tumbarello

Diario Liberale di Roberto Tumbarello

Diario Liberale di Roberto Tumbarello
199 ARTICOLI 0 Commenti
Roberto Tumbarello, giornalista professionista, laureato in Giurisprudenza, ha tre figli e sei nipoti. Medaglia “pro merito” del Consiglio d’Europa, di cui è stato portavoce in Italia per tanti anni, è esperto in Comunicazione e Diritti umani. È stato redattore e inviato speciale di diversi quotidiani e periodici a vasta tiratura. Ha chiuso la carriera come direttore del “Giornale di Napoli”. Tra le sue ultime pubblicazioni di successo: “Gesù era di destra o di sinistra?” (Sapere 2000, 2009), “Si salvi chi può” (Edizioni Radici, 2012), “O la borsa o la vita” (Armando, 2014), "Viaggio nella vita" (Armando 2017), attualmente in libreria.

Quella cosa e le creature

Togliete subito - per carità! - la politica dalle mani dei principianti. Sono una mina vagante. Capaci di provocare incalcolabili disastri, senza volerlo né rendersene conto. Credono di essere innovativi e avere idee sconvolgenti. Ma sono solo presuntuosi e incoscienti, come tutti i ragazzi. Che giochino pure. È nel loro diritto. Ma non con la vita di un popolo...

Le tre scimmiette non troppo sagge

Licenziata perché nipote. Non dal datore di lavoro, ma da un decreto prefettizio illegittimo. Una logica poliziesca impedisce di abbandonare il clan. C’è chi ingenuamente ritiene che lo stato – ma dov’è? – debba saggiamente favorire l’affrancamento dei familiari di chi delinque. Solo così si può fare terra bruciata attorno alla criminalità organizzata, che costa cento miliardi l’anno alla...

Sono tutti in gamba, ma non basta

Tutti contro tutto, pur di piacere agli elettori. Soprattutto contro la casta. Come se loro non vi appartenessero. Così nascono le dittature. Basta sfogliare qualche pagina di storia, anche recente. Ma questa classe dirigente ignorante non ha studiato, quindi non sa. Un’accusa dopo l’altra di ciò che non si deve fare, ma nessun’idea per la crescita. Solo abolire, per...

Ho sognato un’Italia leader

L’Italia ha dettato le riforme che l’Europa deve adottare per sopravvivere. Non sarebbe bastato evidenziare il problema senza suggerirne la soluzione, come i mediocri fanno di solito. Così, abbiamo finalmente dimostrato alla Merkel e a Holland che non hanno titolo per ritenersi leader della federazione. Anzi, col loro modo di fare burocrate stanno guidando l’UE al fallimento. Meno male...

Ma noi continuiamo ad applaudire

Seppure fosse arrogante, prepotente e non proprio lindo, ci conveniva tenerlo da conto Craxi. Adesso non c’è nessuno che possa mediare col mondo islamico, né accettarne la sfida. Povera gente dimenticata, alla ricerca di una legittima rivalsa, ma nel modo più sbagliato. Basterebbe forse allungare la mano. Ma chi può creare il contatto? Lui sarebbe stato in grado. Mise...

Dignità, questa sconosciuta

Casaleggio sente aria di voto. Non si sa quando. Vinceremo, aggiunge. Intanto, per ora, vince lui solo. Ilaria Loquensi resta al proprio posto. Annullata la votazione con cui i deputati M5S avevano bocciato per incompetenza la responsabile della comunicazione. È bastato che il padrone – col solito cipiglio di chi non ammette repliche – alzasse la voce perché la...

Genitori severi e famiglie in dissesto

Nessuno immagina un’Europa senza Grecia. È solo romanticismo o un’anomalia? Se con la cultura non si mangia, figuriamoci col ricordo. E poi, che gliene frega a lituani del culto di Socrate e della Nike di Samotracia. Un cocktail? La vincitrice di un reality show? Non era mai successa una defezione in 64 anni di unione. È un precedente molto...

Per riforme utili serve coraggio

Presidente, se davvero la Costituzione è obsoleta – a me non sembra e, credo, neppure a lei – anziché lasciare che chiunque va al potere ne distrugga un pezzo, è meglio farla restaurare da chi se ne intende. Come lei sa, competenza e partecipazione sono le fondamenta, ormai sgretolate, della società. Eravamo un grande paese quando agli ignoranti erano...

Quando si specula sulla vita

Costruiamo ponti – incita Francesco – non muri che dividono. In Ungheria non gli danno retta, né altrove. Anzi, fanno il contrario. Alzano muraglie più imponenti di quella cinese. Anche l’Europa la sta erigendo davanti alla Grecia. Nasce una competizione come per i grattacieli, chi ce li ha più alti. In Italia qualcuno è per l’accoglienza dei profughi, ma...

Senza alcuna eccezione

Gentile Signora, se sta tentando di alienarsi anche le simpatie degli elettori friulani, è molto vicina al successo. Se, invece, ritiene di poter fare la presidentessa della Regione e contemporaneamente la vice segretaria del PD, è un disastro. È già difficile fare bene una cosa per volta. Per di più il suo apporto al partito non è essenziale né...
- Advertisement -

Guarda la newsletter di oggi


Guarda Confindustria News





Vai allo speciale



Infotraffico del 17 Gennaio 2019













Almanacco della Campania 2018

Scarica pdf

 

Ultime Notizie