Autismo, a Lusciano nasce un centro autismo: potrà accogliere 23 bambini

34
In foto Sergio Canzanella

“Il centro potrà accogliere fino a 23 bambini e sarà aperto dalle 9 alle 19. Cerchiamo così di dare risposte concrete ai genitori che troppo spesso si sentono abbandonati dalle istituzioni e che non sanno come fare a garantire ai propri figli un’assistenza di qualità”. Così Sergio Canzanella, direttore generale dell’associazione House Hospital onlus, in occasione della presentazione, alla quale ha preso parte anche Stefano Graziano, presidente della V Commissione Sanità, di un centro per l’autismo. Il centro di Lusciano, in provincia di Caserta, dispone degli ausili tecnologici necessari per poter favorire l’apprendimento di questi giovani, ma anche la loro crescita personale. A disposizione dei ragazzi ci sono psicologi, medici, infermieri, fisioterapisti, terapisti e operatori socio sanitari. Ai genitori è garantita assistenza legale da un pool di otto avvocati che, gratuitamente, saranno al servizio delle famiglie per far valere quei diritti spesso calpestati. “Non tutti lo sanno – prosegue Canzanella -, ma le terapie per l’autismo (compresa l’Aba) sono state inserite nei livelli essenziali di assistenza e dunque le Asl sono tenute a fornirle gratuitamente a quanti, a giusta ragione, ne fanno richiesta”. Il fulcro del progetto è l’Osservatorio regionale per i disturbi dello spettro autistico: l’idea è quella di mettere in rete le esperienze e di creare un vero e proprio network attraverso il quale le famiglie possano essere sempre informate, non solo su quanto avviene in Campania, ma anche sulle eccellenze di altre regioni. Esiste proprio per questo il numero verde “pronto autismo” 800.367701 ed il sito web osservatorioregionaleautismo.it. “Questo è un tema importante – sottolinea Graziano – al quale dobbiamo dedicare sempre più spazio. Riuscire a fornire assistenza sul territorio significa avvicinare la sanità ai cittadini. Questo è un esempio positivo che sempre più dovrebbe essere replicato in regione”.