Automotive, Sapa Group bandisce borse da 22mila euro per giovani ricercatori

135
 
 
In tempo di crisi economica, sociale e di idee innovative, c’è chi sceglie di investire con forza nei giovani, nell’innovazione tecnologica e nel lavoro. Sapa, gruppo industriale leader nel settore della produzione e lavorazione di materie plastiche per il settore Automotive, – con il Patrocinio della Fondazione Angelo Affinita – bandisce il Concorso Europeo “Premio Angelo Affinita”, alla sua prima edizione.
 
Saranno assegnati tre premi per un totale di 22.000 euro a tesi di laurea, dottorato di ricerca o progetto di ricerca destinati ai migliori laureati e dottorati (1° premio pari ad € 10.000, 2° premio pari ad €   7.000, 3° premio pari ad €   5.000,00) delle Università europee che desiderano dare una svolta alla propria vita universitaria e lavorativa. 
 
Il bando di concorso appena iniziato si concluderà il 30 luglio 2017. Dopo un periodo di valutazione di tutte le tesi arrivate e conformi al bando di concorso, ci sarà la premiazione dei vincitori nel dicembre di questo anno.  Vi potranno partecipare tutti i giovani laureati e dottorati (o in fase di scrittura della tesi) di tutte le Università italiane ed europee.   
I premi saranno attribuiti agli autori di Tesi di Laurea e Tesi di Dottorato più innovative e applicabili alle tematiche affini ai seguenti settori: Ingegneria dell’automotive, Ingegneria dei Materiali, Ingegneria Chimica, Ingegneria Meccanica, Ingegneria dell’Automazione,
Chimica industriale, Altre discipline tecniche attinenti al settore dell’Automotive
 
Per le Tesi di Laurea, il concorso è riservato ai neo laureati che abbiano conseguito la Laurea in discipline attinenti alle tematiche del bando tra il 2015 ed il 2016. Per le Tesi di Dottorato, il concorso è riservato a chi ha conseguito il titolo tra il 2014 ed il 2016. Ci sarà un’apposita Commissione scientifica a giudicare le migliori tesi di laurea, composta da da tre docenti universitari e da tre tecnici esperti designati da Sapa, oltre a due esperti indipendenti, nominati dalla Fondazione Angelo Affinita. 
La partecipazione al bando avviene tramite una pagina web dedicata – www.premioangeloaffinita.it e www.angeloaffinitaawards.com – dove i candidati possono compilare un form coi propri dati, caricare l’abstract della propria tesi e tutti i documenti necessari. 
 
Oltre alla borsa di studio c’è un’opportunità unica per gli studenti che parteciperanno al bando. Infatti, Sapa si riserva di poter offrire a uno o più partecipanti un vero e proprio contratto di lavoro, per sviluppare e realizzare concretamente all’interno dell’azienda il lavoro di ricerca. È un grande incentivo per valorizzare e scommettere sul futuro dei giovani talenti di oggi e di domani. 
SAPA ha scelto di promuovere questo bando di concorso perché punta con forza sull’innovazione tecnologica: solo negli ultimi due anni sono raddoppiati il numero di brevetti depositati. 
In tal senso, è fondamentale la collaborazione con le Università e coi docenti universitari, così come testimoniano le parole di Roberto Pantani, professore di Fenomeni di Trasporto presso l’Università degli studi di Salerno e che ha collaborato con SAPA. Queste le sue parole: “Ho conosciuto SAPA durante un progetto di ricerca il cui obiettivo ricadeva nel mio campo di interesse: lo stampaggio ad iniezione di materiali polimerici. Ci siamo occupati del miglioramento di prestazioni del materiale di partenza e del manufatto, attraverso l’ottimizzazione del processo di stampaggio ad iniezione. 
“Questa è la prima edizione del Premio Angelo Affinita, speriamo che sia l’inizio di una lunga serie. Desideriamo avviare una collaborazione continuativa e costante con i professori universitari dei migliori atenei italiani ed europei. SAPA punta a raddoppiare il numero dei brevetti entro il prossimo anno: avere partner universitari di livello assoluto per la ricerca e sviluppo è uno dei nostri pilastri di miglioramento continuo. Puntare con decisione sui giovani, sulla formazione e sulla crescita costante fa parte del nostro DNA.
SAPA è una realtà industriale piccola se messa in relazione con i giganti che dominano il mercato delle materie plastiche per l’automotive. Un Davide che deve combattere contro Golia. 
I brevetti rappresentano la nostra agilità e abilità di poter raggiungere grandi obiettivi, mettendo a frutto e sviluppando le idee dei giovani più brillanti e capaci.