Avellino, nasce Associazione antiracket intitolata alla moglie di Libero Grassi

105

E’ nata oggi ad Avellino l’associazione Fai Antiracket “Pina Maisano Grassi”, aderente alla federazione antiracket e antiusura fondata da Tano Grasso. L’associazione, presentata in Prefettura, è intitolata alla moglie di Libero Grassi, imprenditore siciliano ucciso dalla mafia dopo essersi opposto alla richiesta di pizzo. All’iniziativa, oltre al presidente onorario Tano Grasso, al prefetto di Avellino Carlo Sessa e al sindaco di Avellino Paolo Foti, hanno partecipato il prefetto Domenico Cuttaia, commissario straordinario del Governo per le iniziative antiracket e antiusura, Angelo Gerardo Napolitano, presidente della neonata associazione di Avellino, Salvatore Cantone, membro del coordinamento campano delle associazioni Fai e Rosario D’Angelo, presidente del Coordinamento campano della rete Fai Antiracket e Antiusura. L’obiettivo dichiarato è l’aumento delle denunce di casi di racket e usura, sulla scia delle denunce presentate da commercianti e imprenditori già iscritti alla nuova associazione. Forte l’impegno delle forze dell’ordine sul fronte della lotta alle estorsioni nell’Avellinese, come testimoniato dalle recenti indagini della Procura di Avellino e della Direzione distrettuale antimafia di Napoli. E’ il caso dell’esecuzione, lo scorso 3 ottobre da parte dei Carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Avellino, di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere e agli arresti domiciliari nei confronti di 7 persone, che ha svelato l’esistenza di un sodalizio battezzato “Nuovo ordine di zona” dedito alla commissione di diversi reati tra i quali anche estorsioni e usura; e ancora, il 27 dicembre, dell’operazione svolta dai militari del Nucleo investigativo dei Carabinieri di Avellino e della compagnia di Sant’Angelo dei Lombardi che ha portato all’arresto di 2 persone ritenute responsabili di far parte di un’associazione a delinquere finalizzata ai danneggiamenti, a scopo estorsivo, di strutture funzionali ai parchi eolici della provincia di Avellino.