Avellino, sindaco in bilico. Alaia: pronti a votare la sfiducia ma subito

19
in foto Enzo Alaia, consigliere regionale

“I consiglieri comunali di Avellino sono chiamati a prendere una decisione nel solo interesse della città e hanno due possibilità: una prevede la sfiducia al sindaco, subito, senza tentennamenti, da sottoscrivere contestualmente davanti a un Notaio; l’altra è quella di consentire a Ciampi e alla sua Giunta di gestire almeno l’ordinaria amministrazione. Terze vie, che prevedono sfiducie posticipate o furbizie di altro genere, servono solo a danneggiare una città che, invece, ha bisogno di certezze: una giunta che governi o un commissario che gestisca la transizione”. Così il consigliere regionale, Enzo Alaia, tra gli ispiratori della lista “Avellino Libera è Progressista” che dice “basta furbizie, la città deve essere amministrata. La nostra lista è pronta a firmare la sfiducia a Ciampi, ma subito non tra tre mesi”. “La consigliera Percopo – aggiunge Alaia – ha votato a favore delle linee programmatiche del Sindaco Ciampi nella consapevolezza che giochetti di altro genere servono solo ad aumentare il caos a Palazzo di città. Il suo senso di responsabilità, tuttavia, non può e non deve essere scambiato per trasformismo, né nasconde alcuna ambizione di tipo personale. Come lei stessa ha ben spiegato, si tratta esclusivamente dell’assolvimento responsabile del mandato ricevuto dagli elettori.”
“Ora però io sfido il Partito Democratico e le liste affini dicendo che se vogliono la sfiducia a Ciampi noi siamo pronti a sottoscriverla, purché, però, si lascino da parte i tatticismi e tutti i consiglieri si presentino insieme a firmare l’atto dal Notaio. Avellino – chiude Alaia – non ha certo bisogno delle furbizie di chi ha in testa le elezioni provinciali e altri calcoli di piccolo cabotaggio, badando poco all’interesse degli avellinesi che necessitano, invece, di avere una città governata, dal Sindaco o da un Commissario che sia”.