Aversa, giunta sfiduciata: corso contro il tempo per le opere delle Universiadi

53
In foto il Palajacazzi di Aversa (Caserta), uno degli impianti che ospiteranno le Universiadi
I lavori sono partiti e non si può più tornare indietro, ma al comune di Aversa (Caserta), dopo la sfiducia all’amministrazione in carico guidata da Enrico De Cristofaro, si è un po’ complicata la situazione in vista delle Universiadi. Mancherà infatti un interlocutore politico nei confronti dei soggetti responsabili dell’organizzazione dell’evento, dal commissario straordinario all’Agenzia Regionale. “Già oggi gli incontri sono settimanali – spiega l’ex assessore ai lavori pubblici Michele Ronza – è ovvio che con l’approssimarsi della scadenza di maggio, quando i lavori dovranno essere ultimati, i vertici saranno ancora più frequenti. E’ un assessore è indispensabile per risolvere certe problematiche che dovessero emergere, anche per la forte conoscenza del territorio”. Arriverà dunque un commissario prefettizio, che dovrà delegare probabilmente qualche funzionario. Ma intanto le opere da 2,3 milioni di euro sono già partite al Palajacazzi, il palazzetto che ospiterà le partite di basket, e allo stadio Bisceglia dove si disputeranno le gare del torneo di calcio; gli impianti saranno interessati da lavori che ne cambieranno il volto restituitendoli alla città “come dei gioielli” dice Ronza. Al Palajacazzi saranno rifatti gli impianti di climatizzazione, tutti i servizi e la sala vip e quella stampa; al Bisceglia ci sarà un vero e proprio restyling, che riguarderà anche il manto erboso. “Le Universiadi sono una grande opportunità per la città di Aversa, e non vorrei che per l’interesse miope e personali di pochi consiglieri saltasse tutto” conclude Ronza, alludendo ai quattro consiglieri di maggioranza che hanno rassegnato le dimissioni qualche giorno fa insieme ai nove dell’opposizione, decretando la fine anticipata dell’amministrazione De Cristofaro.