Banca del Cilento e Bcc di Buonabitacolo, matrimonio all’orizzonte

108


“Credo che il consolidamento della Banca del Cilento, di Sassano e del Vallo di Diano e della Lucania con la Bcc di Buonabitacolo, attraverso una nuova aggregazione, sia da ritenere quasi naturale e nell’interesse di entrambe”. Lo afferma il direttore generale della Banca del Cilento Ciro Solimeno, che rompe gli indugi e conferma una notizia che circolava ormai da un po’ di tempo in modo non ufficiale, e che vede i già ottimi rapporti tra i due Istituti Bancari destinati a rinsaldarsi ulteriormente attraverso un nuovo “matrimonio”, dopo la felice aggregazione compiuta con la ex BCC di Sassano.
Solimeno, nel corso di una delle sue consuete visite nel Vallo di Diano, approfitta per fare il punto della situazione sul presente e sul prossimo futuro della Banca del Cilento. “Siamo particolarmente soddisfatti -spiega il direttore generale- del lavoro svolto dopo l’aggregazione tra la Banca del Cilento l’ex BCC di Sassano: sia nel primo semestre tra il 1° luglio e il 31 dicembre 2016, ma ancora di più di questi primi mesi del 2017. Tutte le filiali hanno ormai recepito il modo di operare della ex Banca del Cilento e Lucania Sud, trasferendolo anche a vantaggio dei soci, dei clienti e del nuovo territorio che attualmente serviamo. Ha contribuito moltissimo -evidenzia Solimeno- anche la rete territoriale che siamo riusciti ad implementare con l’apertura della filiale di Atena Lucana, che sta dando risultati davvero interessanti ed importanti, ai quali si aggiungono potenzialità notevoli. Sono certo che tutti i nostri clienti e i nostri soci del Vallo di Diano possano essere contenti dell’operazione di aggregazione compiuta, che rappresenta un valore aggiunto ed un contributo notevole reciproco portato in dote sia dalla componente Banca del Cilento che dalla componente ex BCC di Sassano”.
Il direttore generale volge lo sguardo verso il prossimo futuro dell’Istituto di Credito con sede a Vallo della Lucania, e che opera già in tre regioni e in quattro province. “È ormai abbastanza noto -sottolinea- che la Banca del Cilento ha ottimi rapporti con la consorella Bcc di Buonabitacolo, che presidia molto bene la parte sud del Vallo di Diano, congiungendosi poi con l’altro territorio della Basilicata, che è quello della Lucania Sud. La Bcc di Buonabitacolo, con le sue filiali, copre un territorio che insiste e si incastra integralmente all’interno di due porzioni del territorio più ampio che noi serviamo: tra il territorio della Lucania Sud, con le filiali tra le altre di Maratea, Lauria e Viggianello, ed il territorio a nord, con le filiali di Sala Consilina ed Atena Lucana. Anche ragionando in una logica di futuro gruppo nazionale -conferma Solimeno- credo che il consolidamento di queste due Bcc attraverso una nuova aggregazione sia da ritenere quasi naturale, nell’interesse di entrambe. Così come è avvenuto con la consorella di Sassano, la Cilento cerca di dare sempre ampio risalto e rappresentanza alle realtà locali, perché riteniamo che non ci siano altri che possano operare meglio di loro. I matrimoni e le aggregazioni che nascono con consapevolezza reciproca, finalizzati ad un reciproco vantaggio, daranno sicuramente un meritevole valore aggiunto: sia per i soci delle due Banche coinvolte, ma principalmente a vantaggio di tutto il territorio”.