Banca delle terre, in vendita i primi 8mila ettari: agevolazioni per i giovani

120

Favorire l’insediamento di giovani agricoltori nei terreni incolti. Ismea dà il via alla procedura di messa in vendita di 8mila ettari della Banca nazionale delle terre agricole inutilizzati e pronti ad essere coltivati. Si tratta del primo lotto di un’operazione complessiva da oltre 20mila ettari.
Le ricerche possono essere effettuate dagli utenti gratuitamente, per localizzazione, per dimensione dei terreni o in base alle esigenze produttive.
La maggiore concentrazione di terreni si riscontra in Sicilia (1700 ettari), seguita da Toscana e Basilicata (1300 ettari), Puglia (1200) e Sardegna (660). I terreni in ogni caso sono distribuiti in tutta Italia e presentano una grande varietà di colture, dal seminativo ai prati e pascoli, fino a boschi, uliveti e vigneti.
Le manifestazioni di interesse ad acquisire uno o più lotti disponibili sul sito della Banca della Terra possono essere effettuate già a partire da questo mese.
A febbraio, invece, inizierà la procedura competitiva a evidenza pubblica tra coloro che hanno manifestato interesse per l’acquisizione dei terreni.
A favore dei giovani under 40 interessati ad acquistare i terreni agricoli Ismea ha previsto mutui a condizioni agevolate per incoraggiare il ricambio generazionale.