Banche: good bank, soddisfatti per prima fase cessione

20

La prima fase per la cessione delle 4 good bank si è conclusa ieri con “esiti più che soddisfacenti. Prassi e obblighi verso i partecipanti al processo impongono riservatezza”. Lo dicono le nuove Banca Etruria, Banca Marche, Carife e Carichieti, sottolineando che questa fase “ha riguardato l’invito a manifestare interessi di natura preliminare e non vincolante da parte di potenziali investitori nelle banche e ha consentito una prima mappatura degli operatori nazionali e internazionali interessati”.

“Le attività in vendita prevedono in maniera preferenziale la cessione in un unico blocco complessivo, ma saranno valutate attentamente anche possibili offerte separate per una o più delle Good Bank e delle loro partecipazioni non strategiche. In questo quadro, la presentazione di offerte relative a tutte e quattro le Good Banks e l’attenzione ai Territori sono elemento positivo di valutazione”. Lo ricordano in una nota i 4 istituti dopo che ieri si è chiusa la prima fase in cui sono state raccolte le manifestazioni di interesse.

La prima fase “ha riguardato l’invito a manifestare interessi di natura preliminare e non vincolante da parte di potenziali investitori nelle banche”. Nei prossimi giorni ci sarà una prima “selezione” dopo la quale “le controparti che hanno espresso tali interessi preliminari riceveranno un primo documento descrittivo (Teaser) accompagnato da una lettera di procedura”. Lo comunicano i 4 istituti, spiegando che “sulla base di questi documenti verranno richieste conferme di interesse più circostanziate che permetteranno il passaggio ad una seconda selezione per il successivo invio dell’Information Memorandum in vista delle Non-Binding Offer”.

La prima fase per la cessione delle 4 good bank si è conclusa ieri con “esiti più che soddisfacenti. Prassi e obblighi verso i partecipanti al processo impongono riservatezza”. Lo dicono le nuove Banca Etruria, Banca Marche, Carife e Carichieti, sottolineando che questa fase “ha riguardato l’invito a manifestare interessi di natura preliminare e non vincolante da parte di potenziali investitori nelle banche e ha consentito una prima mappatura degli operatori nazionali e internazionali interessati”.

“Le attività in vendita prevedono in maniera preferenziale la cessione in un unico blocco complessivo, ma saranno valutate attentamente anche possibili offerte separate per una o più delle Good Bank e delle loro partecipazioni non strategiche. In questo quadro, la presentazione di offerte relative a tutte e quattro le Good Banks e l’attenzione ai Territori sono elemento positivo di valutazione”. Lo ricordano in una nota i 4 istituti dopo che ieri si è chiusa la prima fase in cui sono state raccolte le manifestazioni di interesse.

La prima fase “ha riguardato l’invito a manifestare interessi di natura preliminare e non vincolante da parte di potenziali investitori nelle banche”. Nei prossimi giorni ci sarà una prima “selezione” dopo la quale “le controparti che hanno espresso tali interessi preliminari riceveranno un primo documento descrittivo (Teaser) accompagnato da una lettera di procedura”. Lo comunicano i 4 istituti, spiegando che “sulla base di questi documenti verranno richieste conferme di interesse più circostanziate che permetteranno il passaggio ad una seconda selezione per il successivo invio dell’Information Memorandum in vista delle Non-Binding Offer”.