Banco Napoli e Federico II inaugurano locali dell’Innovation Hub

37


Banco di Napoli (Gruppo Intesa Sanpaolo) e Università Federico II di Napoli hanno inaugurato oggi i locali dell’Innovation Hub del Polo di San Giovanni a Teduccio. Si tratta del primo Hub di Intesa Sanpaolo che mette insieme la Banca, le Imprese e l’Università e non a caso ciò avviene a Napoli. Se il mondo delle start up è da qualche tempo in pieno fermento in Italia, certamente la Campania e Napoli sono tra le realtà locali più attive e propositive a livello nazionale. Ciò si legge anche nei numeri che il Banco di Napoli registra: circa 18 milioni di euro di finanziamenti alle start up negli ultimi dodici mesi, 28 DATS (l’innovativo sistema di rating qualitativo creato da Intesa Sanpaolo per il finanziamento di start up e progetti innovativi), 21 matching, cioè contatti e partnership commerciali tra imprese locali e internazionali attraverso la piattaforma Tech Marketplace di Intesa Sanpaolo, 8 partnership create dalla Banca tra istituzioni universitarie ed incubatori. E anche nel campo della formazione alle imprese il Banco di Napoli ha promosso, quest’anno, ben 7 edizioni di “Digital day” e tre “giornate di orientamento all’internazionalizzazione” che hanno visto più di 200 partecipanti. L’hub della Federico II e del Banco di Napoli si inserisce in questa realtà così vivace e sarà dedicato al trasferimento tecnologico delle innovazioni prodotte dall’Università verso le imprese, con particolare attenzione sulle soluzioni di open innovation, valorizzando il contributo delle startup, dei centri di ricerca, degli incubatori, degli “acceleratori” e “centri di contaminazione” presenti nel Mezzogiorno. L’Hub, che è stato inaugurato dal direttore generale del Banco di Napoli e direttore regionale di Intesa Sanpaolo, Francesco Guido, e dal direttore scientifico iOS Developer Academy dell’Università Federico II, Giorgio Ventre, è il risultato di un percorso svolto in questi mesi, grazie al costante dialogo tra Banca ed Università, finalizzato a costruire un set di servizi concreti per le startup e le PMI del Mezzogiorno. Nel mese di aprile si è svolto il primo momento di matching tra imprese clienti della Banca e startup provenienti dall’Università e da soggetti partner, all’interno dell’Innovaton Village di Napoli. Nel mese di maggio, inoltre, si è svolto a Napoli Sharing Innovation, una due giorni organizzata da Intesa Sanpaolo e dall’Innovation Center del Gruppo, in collaborazione con l’Università Federico II, dedicato alla via italiana verso il paradigma di Industria 4.0, con tavoli tematici di confronto tra imprese su nuovi prodotti, processi, asset e mercati grazie alle potenzialità della tecnologia e agli incentivi offerti dal piano Calenda. Questo dialogo si arricchirà nei prossimi mesi con una serie di workshop pratici rivolti alle imprese clienti, durante i quali la Banca chiederà agli imprenditori quali servizi potrebbero risultare utili allo sviluppo del business, all’aumento di competitività, all’adozione di soluzioni innovative, mantenendo una forte aderenza alle richieste del territorio.