Base Usa di Capodichino, rinnovato contratto dei dipendenti civili

57

Siglato il nuovo contratto nazionale per i 4.000 dipendenti civili delle installazioni militari statunitensi italiane a Sigonella in Sicilia, delle Basi Camp Ederle di Vicenza e di Camp Darby di Pisa, della Base Usaf di Aviano e a Napoli Capodichino. Le federazioni nazionali di categoria Fisascat Cisl e Uiltucs e la direzione del personale delle Basi Usa Jcpc hanno sottoscritto a Napoli il rinnovo del contratto, scaduto nel 2016, in vigore dal 1° novembre 2018 al 30 ottobre 2021. E’ quanto annuncia una nota della Fisascat. “Mercato e organizzazione del lavoro, salario, welfare e nuove tutele in caso di ristrutturazione gli ambiti di intervento del nuovo contratto nazionale -continua la nota- che rilancia il livello decentrato definendo l’avvio delle consultazioni a livello locale sull’organizzazione del lavoro e sulle ricollocazioni del personale”. Nel dettaglio, spiega ancora la nota, “l’accordo stabilisce il diritto di precedenza nelle assunzioni per il personale che ha prestato servizio per più di 6 mesi con un contratto a tempo determinato; il diritto alla trasformazione del rapporto di lavoro dal full time a part time per i lavoratori affetti da gravi patologie, il diritto sulla conservazione del livello e dell’inquadramento nel caso di modifiche organizzative; il lavorare acquisisce il diritto di presentare domanda per l’accesso a un livello inferiore finalizzato alla conservazione del posto di lavoro, ad acquisire nuova professionalità e a migliorare la qualità della vita”.