Benevento, fronte comune con altri due enti in dissesto: Lettera al Governo per i fondi del Piano periferie

27
In foto Clemente Mastella

I sindaci di Terni, Benevento e Potenza hanno inviato stamani una lettera al Governo per porre all’attenzione dell’esecutivo “la peculiarità delle condizioni materiali e giuridiche delle amministrazioni in stato di dissesto che avevano fatto particolare affidamento sui fondi del Piano periferie, una delle poche entrate straordinarie possibili, posticipate dal cosiddetto decreto Milleproroghe”. Tutti e tre i Comuni, presenti nelle graduatorie per l’assegnazione dei fondi del Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie, sono infatti in condizioni di dissesto e non possono, per le loro condizioni economiche, attivare mutui. La missiva, firmata da Leonardo Latini, Clemente Mastella e Dario De Luca è stata indirizzata in particolare al presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte, al vice presidente del Consiglio e ministro dell’Interno Matteo Salvini, all’altro vicepresidente e ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, al viceministro dell’Economia e delle Finanze, Massimo Garavaglia, ed a al sottosegretario di Stato alla presidenza del consiglio dei ministri, Giancarlo Giorgetti.
“La decretazione della insolvenza – scrivono Latini, Mastella e De Luca nella lettera – ha delle conseguenze rilevanti, poiché implica l’applicazione di una disciplina particolarmente stringente, specie sotto il profilo delle possibilità di approvvigionamento finanziario. Di fatto ci è preclusa la possibilità di contrarre mutui per finanziare l’attività dell’ente. Per tali motivi è per noi vitale il ricorso a fondi, filoni, progetti e programmi speciali di finanziamento e non perdere neppure un centesimo di quanto stanziato”. I tre sindaci spiegano poi che nello specifico senza tali risorse si troveranno “nella impossibilità di dare con ragionevole tempestività le (pur minime e senza dubbio insufficienti) risposte a quelle esigenze sociali che le zone marginali delle nostre città reclamano a gran voce”. Anche alla luce dello stesso spirito del decreto Milleproroghe e delle normative sulle procedure di dissesto degli enti, i tre sindaci ritengono che “possa essere opportuna nei successivi passaggi d’aula l’adozione di una modifica legislativa che preveda quantomeno – scrivono ancora – la non applicabilità della previsione normativa approvata in Senato alle città che si trovano nella nostra condizione”.