Beni di consumo, Osservatorio Findomestic: acquisti in aumento in Campania

89

Continua a crescere il reddito pro capite della regione che registra un aumento di circa il 2,6%: un valore superiore al dato del Mezzogiorno e prossimo a quello nazionale. In crescita anche la spesa per beni durevoli (+2,1%). A trainare questo mercato è il comparto della mobilità, in particolare le auto usate (+6,0%) e soprattutto i motoveicoli (+26%, oltre 16 punti percentuali in più della media nazionale). Anche i mobili hanno sostenuto indicativamente la crescita grazie alla loro incidenza rilevante sul comparto. Trend positivo per Salerno che vede incrementare la spesa del 2,9%, più delle altre province e di Benevento, dove l’incremento si è attestato su un tasso del 2,4%. Questi sono i principali risultati della ventiquattresima edizione dell’Osservatorio di Findomestic Banca sul consumo di beni durevoli in Campania, presentato oggi a Roma.
Nel 2017 l’economia regionale è cresciuta con un ritmo superiore a quello del Mezzogiorno e prossimo alla media italiana. L’incremento del comparto dei beni durevoli è superiore di un decimo di punto al dato Italiano (+2,1% rispetto al +2%) e la spesa complessiva è stata pari a 3,495 milioni di euro.
Gli acquisti dei beni durevoli registrano un incremento in tutte le province: Napoli (+62,2%); Salerno (+2,9%); Caserta (+0,7%); Avellino (+1,5%); Benevento (+2,4%).

I settori di spesa
Auto e moto – Tra i comparti legati alla mobilità continua la buona performance dell’anno scorso per quanto riguarda le auto usate, che aumentano del 7,4% con una spesa di 1,140 milioni di euro, offrendo l’apporto più significativo alla crescita dei durevoli. Benissimo i motoveicoli, che superano di oltre 16 punti la media nazionale e crescono del 26%. Le auto nuove passano invece ad un -3,8%, con una spesa che si attesta a 765 milioni di euro.
Mobili – Questo comparto continua ad essere contrassegnato da un dato positivo: +0,9%. Cresce anche la spesa complessiva, che si attesta sui 929 milioni di euro (dai 921 del 2016).
Elettrodomestici – In leggerissimo calo il segmento degli elettrodomestici grandi e piccoli, che registra un -0,3%. Sempre in calo il comparto dell’elettronica di consumo, che passa al -5,7% con una spesa prevista di 135 milioni di euro.
Prodotti Informatici – anche il campo dell’Information Technology registra un leggero calo, passando ad un -2,9% del 2016, con 116 milioni di euro di spesa.

Le province
In crescita il reddito pro capite di tutte le province della regione Campania. Il capoluogo registra un dato positivo di +2,7% attestandosi a 14,161 euro. Positivi anche i dati delle provincie di Benevento (+2,8%); Salerno (+2,6%); Avellino (+2,5%) e Caserta (+2,1%).
Complessivamente il trend si dimostra positivo per la Regione che evidenzia un incremento del +2,6%.
Ottima crescita per il settore delle auto usate in tutto il territorio. Il dato di Napoli migliora del 8,5% rispetto al 2016, con una spesa complessiva di 603 milioni di euro. Performance positiva anche per le altre province, con Caserta a +5,7%, Benevento a +3,3%, Salerno a +7,3% e Avellino con +6,6%. Anche la spesa per famiglia sale in tutte le province, con Napoli in testa a 541 euro (contro i 498 del 2016).
Trend negativo invece per il settore delle auto nuove che mostra una crescita solo con Caserta (+6,4%). Nelle altre provincie si registrano: Salerno invariata dal 2016, Avellino -0,7%, Caserta -4,1% e infine Napoli a -7,1%.
Grande risultato per il mercato dei motoveicoli, che registra un +26%, oltre 16 punti più della media nazionale (+9,8%) e fa segnare ottime percentuali di crescita in tutte le province campane: Napoli passa a +29,6%, Benevento a +10%, Caserta a +14,2%, Avellino a +16,4% e Salerno a +24%. Salgono anche i dati dei consumi complessivi, con il capoluogo sempre in testa con 86 milioni di euro, seguito da Salerno con 24 milioni di euro.
Si mantengono positivi i consumi relativi al comparto dei mobili. Napoli nel 2017 registra un +0,8%; Benevento e Avellino mostrano un dato invariato rispetto al 2016 con rispettivamente 47 e 70 milioni di euro di spesa. Trend positivo anche per le provincie di Salerno, che registra +1,6% e Caserta che evidenzia +1,1%.
Negativi invece i dati relativi al settore degli elettrodomestici grandi e piccoli in quasi tutto il territorio campano. Mentre il capoluogo mostra un +0,1%, Avellino evidenzia un calo del -2,6%, Benevento del -2,1%, Caserta -0,2% e infine Salerno -0,4%. Analogamente cala il comparto dell’elettronica di consumo: Napoli -4,5%, Salerno -7,7%, Benevento -7,1%, Caserta -7,3 e Avellino -6%.
Calo meno marcato invece per i beni dell’informatica: Napoli registra -2%, Benevento -3,5%, Avellino -5,1%, Salerno -2,8% e Caserta -5,1%.