Biblioteca dei Girolamini, 15 mln per la digitalizzazione dei manoscritti. Dal Mise 6 mln alla Federico II

183
in foto la Biblioteca dei Girolamini di Napoli

Digitalizzazione dei manoscritti della Biblioteca dei Girolamini di Napoli, il Ministero dello Sviluppo economico dà il via libera al progetto presentato dalle società NetCom Group, SA Lombardia, SA Documents con l’Ateneo Federico II quale partner scientifico. Non solo. Il Mise stanzierà per la realizzazione del progetto (il cui valore è di oltre 15 milioni di euro) 6 milioni di euro, dei quali 2,2 milioni alla Federico II, in particolare al Dipartimento di Studi Umanistici ed al Dipartimento di Fisica. La biblioteca ha circa 160.000 tra libri e documenti, ed il progetto avvierà la digitalizzazione dei 5.000 manoscritti antichi, in modo compatibile con il progetto Digita Vaticana avviato presso la Biblioteca Vaticana nel 2013.
Il progetto Magica nasce da un’idea, ed è dedicato alla memoria, del professor Alberto Varvaro, un maestro nel campo; esso vede come responsabile scientifico il professor Guido Russo, ed ha un comitato scientifico formato dai professori Guido Trombetti, Andrea Mazzucchi, Pasqualino Maddalena e lo stesso Guido Russo. Obiettivo principale del progetto Magic è la creazione di un Centro Servizi per la valorizzazione della Biblioteca dei Girolamini a Napoli, un raro esempio di opere letterarie dal forte valore storico e simbolico.

Il ruolo di Netcom Group
Tutto questo sarà possibile proprio grazie alla collaborazione di Netcom Group con la SA Documents e la SA Lombardia, partner industriali strategici per la dematerializzazione dei testi, e con la Federico II, il cui ruolo sarà cruciale per garantire un rigoroso approccio scientifico alla valorizzazione dei testi. In tale partenariato, NetCom Group si occuperà di affrontare tutte le sfide tecnologiche, applicando metodologie di IoT, Big Data Analytics ed AI.
Il progetto è stato dunque valutato favorevolmente dal Mise nell’ambito dei progetti “Accordi di Innovazione” ed è stato descritto in un recente articolo scientifico tra i cui autori compaiono Alessandro Salvi e Ciro Muraglia di NetCom Group.

In foto Domenico Lanzo, presidente e Ceo di NetCom group

Saranno bandite 10 tra borse ed assegni di ricerca, in tutti i temi trattati dal progetto. “Con il progetto Magic – sottolinea il presidente e Ceo di NetCom Group, Domenico Lanzo – la nostra azienda punta a confermarsi come gruppo industriale di riferimento a livello nazionale nel panorama della valorizzazione dei Beni Culturali mediante l’utilizzo delle più moderne tecnologie ICT. Ed è per noi un grande vanto aver fatto parte di questa iniziativa insieme ad una Università prestigiosa com’è la Federico II di Napoli”.