Biblioteche, dalla Regione Campania 300 mila euro

29
In foto Diego Guida

“La diffusione della lettura passa anche attraverso il sostegno della filiera del libro e delle librerie che nel territorio con le biblioteche ne sono i promotori più attivi; bene quindi istituzione del fondo della regione Campania che sostiene l’editoria regionale e la sua diffusione attraverso le librerie del territorio premiando quelle che si impegnano a garantire occupazione. Ci aspettiamo ora che le altre regioni sappiano prendere spunto da questa iniziativa che ha visto in prima linea Ali con i suoi rappresentanti locali”. Questo il commento di Paolo Ambrosini, presidente di Ali- Confcommercio alla notizia che la Regione Campania ha deliberato la somma di 300.000 euro a disposizione delle biblioteche regionali, pubbliche e private, per acquistare in librerie del territorio volumi pubblicati da case editrici locali. Il sostegno alla filiera del libro in Campania, un processo iniziato a maggio, viene annunciato da Diego Guida, editore e presidente del gruppo piccoli editori dell’Aie (l’associazione italiana dell’editoria), che insieme a Gianfranco Lieto dell’associazione dei librai di Napoli, Rosa Majello dell’associazione biblioteche italiane e Antonio Parlati della divisione editoria dell’Unione industriali, è riuscito a portare, con varie riunioni ai componenti della commissioni cultura, un problema davvero importante per tutta la Regione Campania. Tale Regione ha solo il 4% al totale della filiera nazionale, dalla produzione di libri alla distribuzione e alla lettura a differenza della la Lombardia che ne vanta un 22%». Con questi fondi si fa in modo che le librerie campane avranno a disposizione 7.000 euro per comprare volumi nelle librerie che sorgono sul territorio, fino a un massimo di 3 esercizi.