Biomarcatori per la salute, i progetti entro martedì

52

C’è tempo fino alle ore 17 di martedì prossimo 10 giugno per partecipare al BioNh, acronimo inglese di“Biomarkers for nutrition and health (Biomarcatori per la nutrizione e la salute), gara transnazionale C’è tempo fino alle ore 17 di martedì prossimo 10 giugno per partecipare al BioNh, acronimo inglese di“Biomarkers for nutrition and health (Biomarcatori per la nutrizione e la salute), gara transnazionale pubblicata dall’Ue nell’ambito dell’iniziativa di programmazione congiunta Hdhl- “A Healthy Diet for a Healthy Life” (Una dieta sana per una vita sana). Si tratta di un bando che punta al sostegno di progetti di ricerca interdisciplinari e innovativi, finalizzati alla validazione di biomarcatori e a definire e armonizzare le tecniche necessarie a dimostrare gli effetti nutrizionali nello sviluppo degli alimenti. L’Italia partecipa al contest mettendo in campo ben tre ministeri: Ricerca e Università, ministero della Salute, che ha assegnato all’Istituto Superiore di Sanità la gestione dei fondi, e ministero per le Politiche agricole e forestali. Obiettivi Quattro gli obiettivi specifici cui mira il bando: promuovere l’eccellenza scientifica attraverso attività congiunte sulla nutrizione e l’alimentazione; sostenere la collaborazione trans-frontaliera; agevolare il coordinamento di progetti di ricerca in Europa riducendo le duplicazioni e gli sforzi; rendere più facile affrontare le sfide comuni, sviluppando soluzioni adeguate con lo stesso obiettivo su alimentazione, nutrizione e vita politica. Chi può partecipare Ma chi può partecipare al bando? Per l’Italia possono presentare domanda le Università o altri istituti di alta formazione, gli Istituti di ricerca pubblici non universitari, le aziende ospedaliere, le imprese, incluse quelle di piccola e media dimensione. La domanda deve essere necessariamente presentata da consorzi composti da almeno tre gruppi di ricerca provenienti da almeno tre Paesi differenti aderenti all’iniziativa (Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Spagna, Svizzera). Budget Lo stanziamento complessivo messo a disposizione per il bando ammonta a 5,5 milioni di euro. Il contributo erogato dall’Italia è, però, estremamente ridotto e si aggira indicativamente attorno ai 300 mila euro più un contributo in natura. Il progetto potrà avere una durata massima di 36 mesi. Spese ammesse Possono essere ammesse a finanziamento le spese progettuali che riguardano il personale, l’acquisto di materiali di consumo, costi di viaggio, disseminazione, attrezzature, assistenza esterna, e spese generali. La procedura di presentazione della proposta prevede un’istruttoria europea e una nazionale. Per la prima fase il progetto dovrà essere presentato on line mediante l’Hdhl-Jpi Submission Tool. Sarà necessario compilare un modulo di domanda disponibile al link: http://www.healthydietforhealthylife.eu/index.php/bionh (Annex 2).


Risorse complessive 5,5 milioni di euro Risorse stanziate dall’Italia 300 mila euro Chi può partecipare Università o altri istituti di alta formazione Istituti di ricerca pubblici non universitari Aziende ospedaliere Imprese, incluse quelle di piccola e media dimensione Chi può presentare domanda Consorzi composti da almeno tre gruppi di ricerca provenienti da almeno tre Paesi differenti aderenti all’iniziativa Scadenza Ore 17 del 10 giugno 2014