Biomedicina, 16 milioni e il contributo del Tigem per lanciare due nuove start-up

57

Al via due start-up innovative in ambito biomedico grazie all’incontro tra Equiter, investitore di capitale di rischio e advisor del Fondo Ricerca e Innovazione (RIF), e Fondazione Telethon, organizzazione non profit che lavora ogni giorno per dare risposte concrete a chi lotta contro una malattia genetica rara. Con un investimento complessivo di 16 milioni di euro – 14 dei quali investiti dal RIF e 2 da Fondazione Telethon – nasceranno infatti due realtà, valutate positivamente sul piano strategico-programmatico dal ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, che potranno contare su tecnologie d’avanguardia per lo sviluppo di due progetti di ricerca nel campo della genomica e della terapia genica. Le start-up innovative Next Generation Diagnostics srl e InnovaVector srl prenderanno vita infatti grazie all’investimento del Fondo RIF e al contributo scientifico dei ricercatori dell’Istituto Telethon di Genetica e Medicina (Tigem) di Pozzuoli, in particolare il direttore Andrea Ballabio e il responsabile del programma di terapia genica Alberto Auricchio, che ricoprono entrambi la carica di professore ordinario di Genetica Medica all’università Federico II di Napoli. La stessa Università ha riconosciuto ufficialmente le due spin-off.