Boeri: “Ridurre i contratti a termine”

15

Roma, 11 dic. – (AdnKronos) – “Valutiamo se è il caso di rivedere le norme sui contratti a termine che attualmente si possono rinnovare fino a 5 volte, perché c’è il rischio che diventi un periodo di prova troppo prolungato”. Così il presidente Inps Tito Boeri sollecita quella modifica su cui il governo ha dato parere negativo in legge di bilancio. “E’ preoccupante infatti il fatto che la crescita dei contratti a tempo sia legata a contratti inferiori ai 3 mesi, che pongono dunque interrogativi al legislatore”, osserva Boeri. “Riconsideriamo dunque -conclude Boeri- se non è il caso di rendere più difficile rinnovare il contratto a tempo determinato visto che siamo intervenuti su quello a tempo indeterminato”.

“Credo che si faccia bene ad approfondire il tema, a fare una riflessione sulla durata e ripetizione di questi contratti. E’ un intervento che non è da escludere in assoluto, ma non può essere visto come un automatismo, considerato che la norma è antecedente alla riforma del mercato del lavoro e al contratto a tutele crescenti”, dice sull’argomento il ministro del Lavoro Giuliano Poletti.