Bollette gas e luce, in quali regioni si risparmia di più?

59

Gli italiani, si sa, sono da sempre degli abili risparmiatori. A tal proposito uno dei mercati che attira su di sé parecchie attenzioni, specialmente in ottica di risparmio, è quello dell’energia. La ragione? Ovviamente i costi perché, a causa dei rincari dovuti al fenomeno inflazionistico degli ultimi tre anni, hanno reso le bollette di luce e gas molto più salate. 

Anche per questo in tantissimi si sono ingegnati per trovare presto una soluzione e, tra le opzioni più apprezzate, c’è sicuramente quella di poter confrontare i prezzi online e rivolgersi all’operatore più conveniente con procedure rapide e semplificate. 

Grazie alla possibilità di dare un taglio ai costi e sbarazzarsi di contratti vecchi e onerosi, gli italiani hanno potuto tirare un sospiro di sollievo dai rincari. Ma quali sono le regioni più virtuose e più attente al risparmio? Secondo un’indagine di Switcho, emerge che 9 italiani su 10 potrebbero risparmiare in media fino a 190 euro l’anno. Vediamo la mappatura completa del nostro Paese e quali regioni risparmiano di più sulle bollette di luce e gas

Quanto si può risparmiare in bolletta nelle diverse regioni d’Italia?

L’analisi di oltre 430 mila bollette degli ultimi 12 mesi ha rivelato che 9 italiani su 10 potrebbero risparmiare in media 190 euro l’anno sulle loro bollette di luce e gas. Chiaramente ci sono differenze regionali degne di nota, che indicano quali sono le Regioni più attente al risparmio energetico e quali lo sono meno.

Con l’arrivo della primavera il mercato energetico italiano ha portato buone notizie: i costi all’ingrosso dell’energia sono tornati ai livelli pre-crisi. Dopo oltre due anni con picchi di 0,54 €/kWh per la luce e 2,47 €/m³ per il gas, i prezzi sono ora scesi sotto i 0,10 €/kWh e intorno ai 0,30 €/m³ rispettivamente. Un calo del genere rappresenta una grande opportunità per gli italiani di risparmiare sulle bollette, anche se bisogna fare delle considerazioni. 

La bolletta energetica di un nucleo familiare, infatti, non dipende solo dai consumi, ma anche dall’offerta sottoscritta. Con centinaia di fornitori di luce e gas attivi in Italia, ciascuno con diverse offerte, trovare la tariffa più vantaggiosa è proprio ciò che permette davvero di incidere sul risparmio annuale. 

Differenze Regionali nel Risparmio Energetico

Secondo l’Osservatorio di Switcho c’è una certa uniformità nella situazione energetica nazionale per quanto riguarda il risparmio medio annuale. Al Centro Italia è di 183 euro, mentre al Nord, Sud e nelle Isole si attesta intorno ai 191 euro. Solo il 10% delle bollette analizzate non ha trovato offerte migliorative, con differenze minime tra Nord, Centro e Sud.

Tuttavia, a livello regionale, emergono differenze più marcate. La Valle d’Aosta è la regione più attenta alle proprie forniture, con un risparmio medio di 137 euro l’anno, seguita dal Trentino-Alto Adige con 142 euro. Al contrario, le regioni meno attente sono l’Umbria e la Sardegna, con risparmi medi annuali potenziali di 201 e 222 euro rispettivamente. 

Dai dati emergono una varietà di fattori che possono influenzare le forniture di luce e gas, tra cui anche la difficoltà di comprendere le condizioni delle offerte e la complessità della ricerca e comparazione delle offerte, soprattutto quelle online. In ogni caso la nascita di servizi web di comparazione e di divulgazione, oltre al grande lavoro svolto da ARERA nel divulgare corretta informazione, hanno inciso notevolmente sulla consapevolezza al risparmio degli italiani.