Bonifica Bagnoli, riunione in Prefettura: Interventi su tutta l’area

122

Dovranno effettuarsi su tutta l’area le bonifiche per Bagnoli e Coroglio, anche la parte che è stata già oggetto di intervento. É questo il risultato delle attività di caratterizzazione effettuate nei mesi scorsi da Ispra, Arpac e Arpav e pubblicati sul sito di Invitalia. Una necessità che farà aumentare i costi della bonifica definitiva, come spiegato al termine della Conferenza dei servizi di oggi, in Prefettura a Napoli, con Invitalia e il Commissario di Governo. Oggi è stato anche presentato il programma di risanamento ambientale e rigenerazione urbana per il Sin, Sito di interesse nazionale, di Bagnoli e Coroglio, in vista della cabina di regia di giovedì prossimo, alla presenza di De Vincenti, il presidente della Regione, Vincenzo De Luca, il sindaco, Luigi de Magistris. Le attività per il piano di caratterizzazione sono terminate a luglio. Sono sostanzialmente assenti berillo, cobalto e nichel, mentre frequenze elevate sono state riscontrate per piombo, stagno e zinco. Queste sostanze sono state rinvenute sullo strato superficiale.
“Mi aspetto che la conferenza di servizi su Bagnoli lavori rapidamente ed alacremente esattamente come previsto nell’accordo che abbiamo firmato, perché poi il 21 c’è una riunione importante con il ministro e perché noi vorremmo che il governo confermasse la notizia dell’attuazione del crono programma” ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a proposito della conferenza dei servizi sulle caratterizzazioni dell’area di Bagnoli. “Ci sono – aggiunto de Magistris – tutte le risorse economiche per le bonifiche, alla luce anche delle gravi situazioni che sono emerse, e come da impegno del ministro non ho dubbi che parta la gara delle progettazioni per le bonifiche e che per metà del 2018 comincino finalmente i lavori”.