Borsa: Milano sale con Saipem e Mediaset

18

(ANSA) – MILANO, 30 MAR – Chiude la mattinata in rialzo Piazza Affari (Ftse Mib +1,5% a 18.442 punti) spinta da Saipem (+6,27%), dopo un congelamento al rialzo, ed Eni (+3,5%), favorite entrambe dal progresso delle quotazioni del greggio.
    Occhi puntati su Mediaset (+4,89%) e, tra i media, su Gruppo Espresso (+6,4%) dopo i dati sulla raccolta pubblicitaria nelle radio. Acquisti anche su Exor (+4,1%) ed Fca (+3,58%), che secondo gli analisti di Exane potrebbe fondersi con Psa (+0,1%), alle prese con la polemica sul salario dell’A.d Carlos Tavares.
    Frenano invece le banche, da Ubi (-3,01%) a Unicredit (-1,95%), legata all’aumento di Popolare Vicenza, così come Intesa (-0,58%) lo è con Veneto Banca. Sotto pressione anche Banco Popolare (-1,5%) e, in misura minore, Bpm (-0,54%), mentre tiene Carige (+0,9%). Sempre brillante Diasorin (+9,31%) dopo l’acquisizione negli Usa.
   

(ANSA) – MILANO, 30 MAR – Chiude la mattinata in rialzo Piazza Affari (Ftse Mib +1,5% a 18.442 punti) spinta da Saipem (+6,27%), dopo un congelamento al rialzo, ed Eni (+3,5%), favorite entrambe dal progresso delle quotazioni del greggio.
    Occhi puntati su Mediaset (+4,89%) e, tra i media, su Gruppo Espresso (+6,4%) dopo i dati sulla raccolta pubblicitaria nelle radio. Acquisti anche su Exor (+4,1%) ed Fca (+3,58%), che secondo gli analisti di Exane potrebbe fondersi con Psa (+0,1%), alle prese con la polemica sul salario dell’A.d Carlos Tavares.
    Frenano invece le banche, da Ubi (-3,01%) a Unicredit (-1,95%), legata all’aumento di Popolare Vicenza, così come Intesa (-0,58%) lo è con Veneto Banca. Sotto pressione anche Banco Popolare (-1,5%) e, in misura minore, Bpm (-0,54%), mentre tiene Carige (+0,9%). Sempre brillante Diasorin (+9,31%) dopo l’acquisizione negli Usa.