Borsa: Piazza Affari gira in negativo. Giù Mps e Unicredit

49

Si mantengono in rialzo le Borse europee a parte Milano (Ftse Mib -0,2%), dopo il calo degli indici Markit che misurano la fiducia dei direttori acquisti nel commercio al dettaglio in Germania, Italia e nell’Ue. In controtendenza invece il dato francese. In contemporanea è stato diffuso il bollettino della Bce, che ha annunciato di voler “riesaminare ed eventualmente riconsiderare” la politica monetaria nella prossima riunione di marzo alla luce dei “rischi verso il basso di nuovo aumentati con l’inizio del nuovo anno”. Londra (+0,39%) è la migliore, seguita da Parigi e Madrid, che si portano in parità, mentre Francoforte limita il rialzo allo 0,15%. Invariato il panorama dei listini, con vendite sul comparto auto (-2,59%), stabili le banche, mentre salgono le materie prime (+3,66%) ed i petroliferi (+2,22%).

Il rialzo del greggio di ieri oltre i 32 dollari a New York ha spinto i listini di Asia e Pacifico a parte Tokyo
(-0,85%), frenata dal balzo dello yen sul dollaro. Hanno chiuso in rialzo Shanghai (+1,53%), Shenzhen (+1,95%), Seul (+1,35%) e Sidney (+2,12%). Ancora aperta Hong Kong (+1,4%), chiusa per festività invece Taiwan.
In arrivo oggi il bollettino della Bce, con le relative previsioni sull’economia, insieme agli indici Markit dalla Germania. Quanto agli Usa sono previsti invece dati su occupazione e ordini di fabbrica e di beni durevoli. Difficoltà a Tokyo per i grandi esportatori, da Panasonic (-8,71%) a Hitachi (-7,81%) e Toyota (-2,14%). In controtendenza Sharp (+16,79%), alle prese con le offerte concorrenti della giapponese Innovation Network e della taiwanese Foxconn per salvare il gruppo.

Petrolio: in rialzo a 32,96 dollari  – Il petrolio è in rialzo sui mercati asiatici a 32,96 dollari per il barile Wti e a 35,73 dollari per il Brent.

Spread Btp apre poco mosso a 115 punti – Lo spread tra Btp e Bund apre stabile a 115,2 punti dai 116 della chiusura di ieri con un rendimento all’1,44%.

Si mantengono in rialzo le Borse europee a parte Milano (Ftse Mib -0,2%), dopo il calo degli indici Markit che misurano la fiducia dei direttori acquisti nel commercio al dettaglio in Germania, Italia e nell’Ue. In controtendenza invece il dato francese. In contemporanea è stato diffuso il bollettino della Bce, che ha annunciato di voler “riesaminare ed eventualmente riconsiderare” la politica monetaria nella prossima riunione di marzo alla luce dei “rischi verso il basso di nuovo aumentati con l’inizio del nuovo anno”. Londra (+0,39%) è la migliore, seguita da Parigi e Madrid, che si portano in parità, mentre Francoforte limita il rialzo allo 0,15%. Invariato il panorama dei listini, con vendite sul comparto auto (-2,59%), stabili le banche, mentre salgono le materie prime (+3,66%) ed i petroliferi (+2,22%).

Il rialzo del greggio di ieri oltre i 32 dollari a New York ha spinto i listini di Asia e Pacifico a parte Tokyo
(-0,85%), frenata dal balzo dello yen sul dollaro. Hanno chiuso in rialzo Shanghai (+1,53%), Shenzhen (+1,95%), Seul (+1,35%) e Sidney (+2,12%). Ancora aperta Hong Kong (+1,4%), chiusa per festività invece Taiwan.
In arrivo oggi il bollettino della Bce, con le relative previsioni sull’economia, insieme agli indici Markit dalla Germania. Quanto agli Usa sono previsti invece dati su occupazione e ordini di fabbrica e di beni durevoli. Difficoltà a Tokyo per i grandi esportatori, da Panasonic (-8,71%) a Hitachi (-7,81%) e Toyota (-2,14%). In controtendenza Sharp (+16,79%), alle prese con le offerte concorrenti della giapponese Innovation Network e della taiwanese Foxconn per salvare il gruppo.

Petrolio: in rialzo a 32,96 dollari  – Il petrolio è in rialzo sui mercati asiatici a 32,96 dollari per il barile Wti e a 35,73 dollari per il Brent.

Spread Btp apre poco mosso a 115 punti – Lo spread tra Btp e Bund apre stabile a 115,2 punti dai 116 della chiusura di ieri con un rendimento all’1,44%.