Borsa: Piazza Affari maglia rosa (+1,25). Vola Rcs (+28,7%) su Cairo

51

Chiusura in rialzo per le Borse europee, con la sola eccezione di Londra che termina le contrattazioni in lieve calo (-0,07%). Francoforte è salita dello 0,63%, Parigi dello 0,22% mentre la maglia rosa è andata a Piazza Affari, con il Ftse Mib che ha chiuso in progresso dell’1,25%.  A trascinare il listino sono state ancora una volta le banche, sulle attese per il fondo promosso dal governo per rilevare le sofferenze e garantire gli aumenti di capitale: il Banco Popolare è salito del 10,3%, Mps è del 9,78%, Ubi Banca del 7%, Bpm del 5,98% e Banca Carige del 5,36%.

Vola Rcs a Piazza Affari dopo l’offerta pubblica di scambio annunciata nella serata di venerdì da Cairo Communication. Il titolo della Rizzoli ha guadagnato il 28,79% a 0,586 euro mentre Cairo è salita del 2,07% a 4,87 euro. Sulla base delle chiusure di borsa l’offerta di 0,12 azioni Cairo per un’azione Rcs valorizza il titolo del gruppo che edita il Corriere della Sera 0,5844 euro, sostanzialmente in linea con il valore di mercato. 

La nostra e’ un’operazione di mercato, non un’Opa ostile: vogliamo tenere dentro i vecchi soci per beneficiare con me degli eventuali introiti di Rcs, una volta ristrutturata”. Lo ha detto Urbano Cairo, parlando a Radio Anch’io Sport-Radio1 dell’offerta pubblica di scambio tra le azioni di Cairo Communications e quelle di Rcs. “Abbiamo valutato Rcs 770 milioni, che scalati i 90 della vendita Rcs libri a Mondadori fanno quasi 700: il doppio di quanto capitalizza in borsa il gruppo Espresso”. “Venerdi’ – ha spiegato Cairo – abbiamo fatto un comunicato sull’offerta pubblica di scambio: oggi fare previsioni su come finirà è difficile. Ma voglio dire che non è un’Opa per scalare ma un’ operazione di mercato: vogliamo tenere dentro i vecchi soci”. La valutazione di Rcs, ha aggiunto Cairo, è “di rilievo: se si vede il controvalore, sono 285 milioni, che aggiunti ai 487 milioni di debito del gruppo fanno quasi 770 milioni. Se togliamo i 90 milioni di Rcs libri, già ceduta a Mondadori, si arriva a quasi 700 milioni. Tenete conto che il gruppo l’Espresso, con Repubblica e una rete di giornali locali, capitalizza in Borsa 370 milioni, e senza debiti. A conti fatti, stiamo valutando Rcs quasi il doppio”.

Rcs: Boccia, operazione di straordinaria importanza – “Si tratta, a prescindere da quello che succederà, di una operazione di straordinaria importanza per l’editoria del nostro Paese”. Il presidente designato di Confindustria, Vincenzo Boccia, interpellato dall’ANSA a margine di un incontro a Salerno, commenta così l’offerta di scambio di Cairo per Rcs Media. “Il fatto che sia una operazione interamente di mercato è rassicurante, per di più – dice – proposta da un editore puro, italiano, che ha dimostrato di saper fare molto bene il suo mestiere”

Wall Street procede positiva, Dj +0,27%, Nasdaq +0,36% – Wall Street procede in territorio positivo. Il Dow Jones sale dello 0,27% a 17.624,18 punti, il Nasdaq avanza dello 0,36% a 4.868,25 punti mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,39% a 2.055,43 punti

Asia contrastata, Tokyo -0,44%, sprint Shanghai  – Borse contrastate in Asia e Pacifico, con la Cina in rialzo dopo dati macroeconomici incoraggianti ed il resto dell’Area in lieve calo. Tokyo (-0,44%), Seul (-0,09%) e Sidney (-0,12%) non ce l’hanno fatta ad aprire la settimana con il segno positivo, mentre il rialzo delle quotazioni del rame dovuto all’aumento della domanda in Cina, dove i prezzi alla produzione sono saliti, insieme al greggio, ormai a 40 dollari al barile stanno favorendo Shanghai (+1,59%) e Shenzhen (+2,1%), ancora aperte insieme a Hong Kong (+0,18%). Bene anche Taiwan (+0,25%). Negativi i futures sui principali listini europei e sulle Borse Usa in assenza di dati macroeconomici significativi

Chiusura in rialzo per le Borse europee, con la sola eccezione di Londra che termina le contrattazioni in lieve calo (-0,07%). Francoforte è salita dello 0,63%, Parigi dello 0,22% mentre la maglia rosa è andata a Piazza Affari, con il Ftse Mib che ha chiuso in progresso dell’1,25%.  A trascinare il listino sono state ancora una volta le banche, sulle attese per il fondo promosso dal governo per rilevare le sofferenze e garantire gli aumenti di capitale: il Banco Popolare è salito del 10,3%, Mps è del 9,78%, Ubi Banca del 7%, Bpm del 5,98% e Banca Carige del 5,36%.

Vola Rcs a Piazza Affari dopo l’offerta pubblica di scambio annunciata nella serata di venerdì da Cairo Communication. Il titolo della Rizzoli ha guadagnato il 28,79% a 0,586 euro mentre Cairo è salita del 2,07% a 4,87 euro. Sulla base delle chiusure di borsa l’offerta di 0,12 azioni Cairo per un’azione Rcs valorizza il titolo del gruppo che edita il Corriere della Sera 0,5844 euro, sostanzialmente in linea con il valore di mercato. 

La nostra e’ un’operazione di mercato, non un’Opa ostile: vogliamo tenere dentro i vecchi soci per beneficiare con me degli eventuali introiti di Rcs, una volta ristrutturata”. Lo ha detto Urbano Cairo, parlando a Radio Anch’io Sport-Radio1 dell’offerta pubblica di scambio tra le azioni di Cairo Communications e quelle di Rcs. “Abbiamo valutato Rcs 770 milioni, che scalati i 90 della vendita Rcs libri a Mondadori fanno quasi 700: il doppio di quanto capitalizza in borsa il gruppo Espresso”. “Venerdi’ – ha spiegato Cairo – abbiamo fatto un comunicato sull’offerta pubblica di scambio: oggi fare previsioni su come finirà è difficile. Ma voglio dire che non è un’Opa per scalare ma un’ operazione di mercato: vogliamo tenere dentro i vecchi soci”. La valutazione di Rcs, ha aggiunto Cairo, è “di rilievo: se si vede il controvalore, sono 285 milioni, che aggiunti ai 487 milioni di debito del gruppo fanno quasi 770 milioni. Se togliamo i 90 milioni di Rcs libri, già ceduta a Mondadori, si arriva a quasi 700 milioni. Tenete conto che il gruppo l’Espresso, con Repubblica e una rete di giornali locali, capitalizza in Borsa 370 milioni, e senza debiti. A conti fatti, stiamo valutando Rcs quasi il doppio”.

Rcs: Boccia, operazione di straordinaria importanza – “Si tratta, a prescindere da quello che succederà, di una operazione di straordinaria importanza per l’editoria del nostro Paese”. Il presidente designato di Confindustria, Vincenzo Boccia, interpellato dall’ANSA a margine di un incontro a Salerno, commenta così l’offerta di scambio di Cairo per Rcs Media. “Il fatto che sia una operazione interamente di mercato è rassicurante, per di più – dice – proposta da un editore puro, italiano, che ha dimostrato di saper fare molto bene il suo mestiere”

Wall Street procede positiva, Dj +0,27%, Nasdaq +0,36% – Wall Street procede in territorio positivo. Il Dow Jones sale dello 0,27% a 17.624,18 punti, il Nasdaq avanza dello 0,36% a 4.868,25 punti mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,39% a 2.055,43 punti

Asia contrastata, Tokyo -0,44%, sprint Shanghai  – Borse contrastate in Asia e Pacifico, con la Cina in rialzo dopo dati macroeconomici incoraggianti ed il resto dell’Area in lieve calo. Tokyo (-0,44%), Seul (-0,09%) e Sidney (-0,12%) non ce l’hanno fatta ad aprire la settimana con il segno positivo, mentre il rialzo delle quotazioni del rame dovuto all’aumento della domanda in Cina, dove i prezzi alla produzione sono saliti, insieme al greggio, ormai a 40 dollari al barile stanno favorendo Shanghai (+1,59%) e Shenzhen (+2,1%), ancora aperte insieme a Hong Kong (+0,18%). Bene anche Taiwan (+0,25%). Negativi i futures sui principali listini europei e sulle Borse Usa in assenza di dati macroeconomici significativi