Bosnia Erzegovina, Italia e Undp insieme per il nuovo progetto “Bridge”

70

L’Ambasciatore d’Italia in Bosnia Erzegovina, Nicola Minasi, e la Rappresentante di UNDP a Sarajevo, Steliana Nedera, hanno firmato lo scorso 25 maggio un accordo per la realizzazione di un nuovo progetto chiamato “BRIDGE – Building relations for intercultural dialogue in Bosnia and Herzegovina”.

Il progetto, del valore totale di quasi 800.000 EUR, intende investire nel dialogo interculturale e colmare le distanze sociali tra le diverse comunità nel Paese, coinvolgendo in particolare le generazioni più giovani. Giovani provenienti da comunità e background diversi saranno messi in contatto attraverso iniziative ecologiche e culturali, di turismo d’avventura e di protezione ambientale, puntando a favorire lo sviluppo ed il turismo sostenibili e la promozione dello straordinario potenziale turistico della Bosnia Erzegovina.

Il progetto faciliterà anche la creazione dei “Giochi senza Frontiere Nazionali della Via Dinarica” rivolto proprio ai più giovani, in collaborazione con Governi locali, scuole, associazioni sportive, organizzazioni giovanili, associazioni turistiche e media (l’Italia è già il principale finanziatore, insieme agli Stati Uniti, del programma “Via Dinarica”, anch’esso gestito da UNDP).

Tra le diverse attività previste, il progetto svilupperà anche un’applicazione digitale per informare i più giovani sul patrimonio culturale, naturale e storico della Bosnia Erzegovina, istituirà il “TED Youth Talk” nel Paese ed organizzerà un “Campionato Nazionale Giovanile della Conoscenza” tra scuole superiori di tutta la Bosnia Erzegovina, in cooperazione con una TV nazionale e ONG locali.

L’Italia e UNDP ribadiscono il proprio forte impegno a promuovere lo sviluppo sostenibile in Bosnia Erzegovina e ad investire nei giovani, nell’educazione, nel dialogo interculturale e nella riconciliazione nazionale per liberare tutto il potenziale del Paese.