Botulino illegale, Fiamme Gialle di Treviso intercettano furgone con 30mila dosi diretto a Napoli

66

Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Treviso, nel corso di un posto di controllo eseguito al casello autostradale di Venezia Est, hanno sequestrato un carico di botulino, importato illegalmente. Il medicinale era trasportato a bordo di un furgone proveniente dalla Polonia e diretto in provincia di Napoli, nascosto in un contenitore tra i bagagli dei cinque passeggeri del mezzo. Al termine dell’inventario della merce, sono state quantificate quasi 30.000 dosi di tre distinti medicinali, prodotti in Corea del Sud, tutti aventi come principio attivo il ”clostridium botulinum”, impiegato nella chirurgia estetica. Il conducente, un 46enne ucraino, che non è stato in grado di esibire alcun documento di trasporto o di natura commerciale per la merce, del valore di oltre 50.000 euro, né di fornire plausibili spiegazioni ai finanzieri della Compagnia di Treviso che eseguivano il controllo, è stato denunciato alla procura della Repubblica trevigiana per commercio di medicinali non autorizzati dall’Agenzia italiana del farmaco.