Boxe femminile, la campana Angela Carini medaglia d’oro ai campionati europei

91

Medaglia d’oro ai campionati europei di Keszthely in Ungheria categoria Youth, 64 kg: Angela Carini, 17 anni si ripete, vincendo la finale contro la russa Nemtseva. Conferma così lo scettro di regina d’Europa conquistato nel 2014 a Bucarest, e consolida la leadership dopo il titolo di campione del mondo lo scorso maggio a Taipei. A capitanare la squadra delle atlete italiane, il commissario tecnico Emanuele Renzini, e la sua assistente Laura Tosti. Carini è cresciuta pugilisticamente nella Boxe Matesina di Piedimonte Matese con il maestro Geppino Corbo, sin da bambina sognava di diventare poliziotta per emulare il papà Giuseppe, in servizio effettivo nella Fiamme Oro, poi dispensato dal servizio attivo a causa di un incidente. “Ho sempre ricevuto una carica straordinaria da persone speciali come mio padre e da tutti gli uomini della Polizia di Stato impegnati ogni giorno per difendere la nostra incolumità“, dice Angela. “Dedico questa vittoria alla mia famiglia, sostenitrice dei miei sforzi e dei miei allenamenti, e a tutti quelli che credono in me. Mi chiamano “Tiger”, io sono ancora giovane, frequento il liceo scientifico “Quercia”, ma sento di avere dentro una forza che vuole essere anche un esempio per tutti i miei coetani che vogliono vivere di sport, di competizione, di vittorie acquisite sul campo“. Angela approda alle Fiamme Oro di Marcianise, dove la allena Antonio Brillantino, terzogenito del capostipite Domenico, fondatore della Excelsior, sinonimo di fucina di pugili di ambo i sessi. Angela vive a Marcianise e frequenta la sezione di pugilato delle Fiamme Oro collocata in un’area dello stesso liceo. La sezione fu inaugurata circa tre anni fa dal Capo della Polizia, Alessandro Pansa.