BoxXLand, arriva da Enea il primo prototipo di vertical farm mobile

52

Si chiama BoxXLand ed è un concentrato di tecnologie per produrre ortaggi in qualsiasi contesto urbano e ad ogni clima. A ripensare la produzione alimentare per soddisfare il fabbisogno di una popolazione in costante crescita, e gestire in modo sostenibile le risorse naturali, è l’Enea che ha progettato e realizzato il primo prototipo italiano di Vertical Farm. Si tratta di una struttura tecnologica per produrre alimenti freschi in città e l’Agenzia con BoxLand ha già messo a punto una versione mobile. BoxXLand, allestita in un container, “è l’evoluzione mobile della fattoria verticale. Un sistema ad alta tecnologia per produrre ortaggi in qualsiasi contesto urbano e ad ogni clima. Facilmente trasportabile e impilabile, può produrre oltre 30mila piante l’anno” spiega l’Enea. Al suo interno, BoxXLand ha un sistema computerizzato che gestisce irrigazione, illuminazione a led e climatizzazione per massimizzare la produttività e minimizzare gli sprechi. Con una produzione posta lungo due linee e su 4 piani, la fattoria mobile dispone di oltre 60 metri quadri di area coltivabile. “BoxXLand -aggiunge l’Agenzia- identifica un nuovo modello di agricoltura per le città del futuro, che punta a garantire, grazie a tecnologie all’avanguardia, sicurezza e qualità alimentare riducendo inquinamento e consumo di risorse”.