Brasile, Temer accusato ufficialmente di corruzione

19

Rio de Janeiro, 27 giu. (AdnKronos/Dpa) – Il presidente brasiliano Michel Temer è stato formalmente accusato di corruzione passiva. A riferirlo è stata l’emittente ‘Globo News’, precisando che l’imputazione è stata contestata a Temer dall’accusa, rappresentata dal procuratore generale Rodrigo Janot, presso la Corte Suprema Federale di Brasilia, la più alta istanza giuridica del paese. Temer è il primo presidente brasiliano in esercizio a essere formalmente incolpato.

Le accuse riguardano presunte tangenti pagate a Temer dal gigante della carne, JBS. Uno dei proprietari dell’impresa avrebbe tra l’altro consegnato agli inquirenti impegnati nell’inchiesta una registrazione in cui si sentirebbe Temer approvare pagamenti a favore di un testimone coinvolto in un’inchiesta per corruzione.

“Nulla ci distruggerà, né la mia persona né i miei ministri”, ha reagito Temer nel corso di una cerimonia al Palacio do Planalto, sede del governo brasiliano. Esponente della formazione di centrodestra Partito del movimento democratico, Temer si era insediato dopo la destituzione ad agosto scorso di Dilma Roussef, a conclusione della procedura di impeachment avviata contro l’allora presidente con l’accusa di aver truccato i dati sul deficit di bilancio.