Bravata o rapina, ecco perché Giuseppe è stato spinto giù dalla scogliera

34

Bari, 3 mag. (AdnKronos) – I carabinieri stanno ascoltando diversi ragazzi, tra i quali due minorenni, che sono soliti intrattenersi nella zona della scogliera a nord di Monopoli, in provincia di Bari, dove ieri è morto Giuseppe Di Bello, 78 anni spinto, forse durante un diverbio, e caduto sulle rocce e poi in mare. Le indagini, che proseguono serrate, dovranno fare chiarezza oltre che sugli autori, probabilmente minorenni, anche sulle motivazioni del gesto.

Bullismo, bravata o tentativo di rapina finito male: queste le ipotesi sul tappeto. Anche un altro anziano che era in compagnia della vittima è stato spinto ma è caduto in acqua e si è salvato. I carabinieri lo hanno di nuovo ascoltato e le sue dichiarazioni sono molto importanti per la ricostruzione dei fatti: sarebbe stato proprio lui infatti a indirizzare le indagini verso alcuni giovanissimi di cui avrebbe fornito una descrizione.

I carabinieri hanno anche acquisito i video delle telecamere nei pressi della località ‘Calaverdegiglio’, dove ieri pomeriggio i due pensionati sono stati spintonati.