Brs, Marrama: Fondazione Banco di Napoli? Chi mi ha accusato ne risponderà

104
in foto Daniele Marrama, ex presidente della Fondazione Banco di Napoli

“È finito il tempo in cui si dicono parole in libertà, le persone che hanno detto lanciate accuse alla gestione della Fondazione Banco di Napoli, dovranno essere chiamate a rispondere dei danni che hanno provocato e non mancherò di farlo”. Lo ha detto l’ex presidente della Fondazione Banco di Napoli Daniele Marrama, nel corso della presentazione del bilancio 2017 della Banca Regionale di Sviluppo di cui è presidente. Proprio l’investimento da otto milioni di euro della Fodnazione Banco di Napoli nella Brs era stato uno dei motivi di attacco nei confronti della sua gestione: “La Fondazione Banco di Napoli – sottolinea Marrama – è stata oggetto di una ispezione ministeriale durata sei e mesi conclusa con una relazione ispettiva di 61 pagine che non contiene alcun rilievo alla gestione della fondazione. Io sono stato accusato con il cda della Fondazione Banco di Napoli di aver fatto un investimento illecito in Brs e di aver snaturato la Fondazione, avendola resa un soggetto imprenditoriale. La relazione ministerale ha smentito di netto queste gravi accuse e la relazione di una società di revisione, la Kpmg, ha attestato che il valore della partecipazione in Brs sia intatto, quindi non c’è stata una perdita di valore dell’investimento. Parlano i fatti”.