Bruxelles: procura, identikit ‘secondo uomo’ è falso

35

L’identikit dell’uomo che si trovava con Khalid El Bakraoui, il kamikaze che si è fatto esplodere nella metropolitana di Bruxelles, è falso e “non ha alcuna rilevanza per l’indagine”. Lo ha detto la procura belga dopo che la Dernière Heure e altri media locali avevano diffuso un ritratto spacciandolo per quello dell’uomo che accompagnava l’attentatore.

“La procura comprende il bisogno di informazione ma insiste sulla necessità di diffondere solo notizie verificate e che non danneggino all’inchiesta in corso”, è scritto nella nota citata dal quotidiano Le Soir.

 

 

L’identikit dell’uomo che si trovava con Khalid El Bakraoui, il kamikaze che si è fatto esplodere nella metropolitana di Bruxelles, è falso e “non ha alcuna rilevanza per l’indagine”. Lo ha detto la procura belga dopo che la Dernière Heure e altri media locali avevano diffuso un ritratto spacciandolo per quello dell’uomo che accompagnava l’attentatore.

“La procura comprende il bisogno di informazione ma insiste sulla necessità di diffondere solo notizie verificate e che non danneggino all’inchiesta in corso”, è scritto nella nota citata dal quotidiano Le Soir.