Bruxelles sotto attacco, colpiti aeroporto e metro, 34 morti. Identificati i kamikaze dell’aeroporto.

29

Sono i fratelli Khalid e Ibrahim El Bakraoui i kamikaze che si sono fatti saltare in aria ieri all’aeroporto di Bruxelles. L’identificazione dei due e’ stata resa nota dalla polizia. Il terzo uomo – che compare nella foto con i due frattelli, attualmente ricercato – sarebbe l’artificiere del gruppo, secondo alcuni media locali.

Il covo nella zona di Schaerbeek, dove ieri e’ stata trovata una bomba con dei chiodi, prodotti chimici e una bandiera dello Stato Islamico, è stato scoperto grazie al tassista che ha portato i tre sospetti all’aeroporto di Zaventem. Lo rende noto Le Soir. L’uomo era rimasto sorpreso che i tre uomini non gli abbiano lasciato toccare le loro valigie.

Strage a Bruxelles, la città simbolo dell’Ue, ora listata a lutto e sotto shock. Prima due kamikaze all’aeroporto, poi una bomba nella metropolitana all’ora di punta hanno seminato morte e paura colpendo il cuore dell’Europa. Il bilancio provvisorio degli attacchi, di cui l’Isis ha rivendicato la paternità, è di 34 morti e oltre 200 feriti, ma probabilmente è destinato a crescere per le condizioni gravi in cui versano alcune delle persone ricoverate in ben 25 ospedali della capitale. Al momento è stato possibile accertare che sono solo tre gli italiani rimasti coinvolti negli attentati, per fortuna in maniera non grave. Quasi tutti, dopo essere stati medicati, sono stati dimessi dall’ospedale.

Il duplice attacco è il più grave mai subito dal Belgio in tempo di pace e il premier Charles Michel, a cui è arrivato il sostegno di tantissimi leader europei e non – da Obama a Renzi, da Merkel a Cameron a Erdogan – ha promesso che la caccia ai colpevoli sarà condotta “senza tregua, giorno e notte”, perché “noi siamo uniti e determinati a proteggere la nostra libertà che è stata colpita”. “E’ ancora presto per dire con certezza se gli attacchi siano legati a quelli di Parigi”, ha detto durante una breve conferenza stampa il procuratore federale Frederic Van Leuw a cui sono state affidate le indagini. Ma intanto numerose perquisizioni sono state subito lanciate in diverse parti di Bruxelles e del Paese. E in un covo nel comune di Schaerbeek, quartiere della capitale già setacciato dopo gli attentati di Parigi, sono stati trovati un ordigno esplosivo con chiodi, prodotti chimici e una bandiera dell’Isis.

 

 

SEGUI IL LIVEBLOG

Intanto, per proteggere gli obiettivi sensibili – stazioni, centrali nucleari, porti e aeroporti – il governo ha deciso di schierare altre centinaia di soldati e altri poliziotti che avranno anche il compito di sorvegliare le frontiere. E si fa strada l’ipotesi che l’arresto di venerdì scorso del più ricercato d’Europa – quel Salah Abdeslam membro del commando di Parigi che poi non ha avuto il coraggio di farsi saltare in aria ma è rimasto nascosto a Bruxelles per quattro mesi – abbia potuto imprimere un’accelerazione all’esecuzione di attentati che sicuramente sono frutto di un’accurata pianificazione.

Il punto (ASCOLTA) – 

Continueremo a colpire l’Isis”, ha assicurato Barack Obama da Cuba. Renzi ha sottolineato che la “minaccia è globale, ma i killer sono anche locali. Non è tempo né di sciacalli né di colombe”. Per Hollande, con gli attacchi di Bruxelles “è stata colpita tutta l’Europa”, cosa che impone di prendere “misure indispensabili” e proporzionate alla minaccia: la guerra “sarà lunga”. Scioccato e preoccupato si è detto anche Cameron. E in una nota congiunta, i leader Ue hanno parlato di “attacco alla nostra democrazia”. L’aeroporto di Zaventem domani resterà chiuso, ma le scuole e i trasporti pubblici – tranne la metro – funzioneranno regolarmente nonostante i tre giorni di lutto nazionale decisi dal governo. Ma per il ritorno alla normalità ci vorrà sicuramente più tempo.

Sono i fratelli Khalid e Ibrahim El Bakraoui i kamikaze che si sono fatti saltare in aria ieri all’aeroporto di Bruxelles. L’identificazione dei due e’ stata resa nota dalla polizia. Il terzo uomo – che compare nella foto con i due frattelli, attualmente ricercato – sarebbe l’artificiere del gruppo, secondo alcuni media locali.

Il covo nella zona di Schaerbeek, dove ieri e’ stata trovata una bomba con dei chiodi, prodotti chimici e una bandiera dello Stato Islamico, è stato scoperto grazie al tassista che ha portato i tre sospetti all’aeroporto di Zaventem. Lo rende noto Le Soir. L’uomo era rimasto sorpreso che i tre uomini non gli abbiano lasciato toccare le loro valigie.

Strage a Bruxelles, la città simbolo dell’Ue, ora listata a lutto e sotto shock. Prima due kamikaze all’aeroporto, poi una bomba nella metropolitana all’ora di punta hanno seminato morte e paura colpendo il cuore dell’Europa. Il bilancio provvisorio degli attacchi, di cui l’Isis ha rivendicato la paternità, è di 34 morti e oltre 200 feriti, ma probabilmente è destinato a crescere per le condizioni gravi in cui versano alcune delle persone ricoverate in ben 25 ospedali della capitale. Al momento è stato possibile accertare che sono solo tre gli italiani rimasti coinvolti negli attentati, per fortuna in maniera non grave. Quasi tutti, dopo essere stati medicati, sono stati dimessi dall’ospedale.

Il duplice attacco è il più grave mai subito dal Belgio in tempo di pace e il premier Charles Michel, a cui è arrivato il sostegno di tantissimi leader europei e non – da Obama a Renzi, da Merkel a Cameron a Erdogan – ha promesso che la caccia ai colpevoli sarà condotta “senza tregua, giorno e notte”, perché “noi siamo uniti e determinati a proteggere la nostra libertà che è stata colpita”. “E’ ancora presto per dire con certezza se gli attacchi siano legati a quelli di Parigi”, ha detto durante una breve conferenza stampa il procuratore federale Frederic Van Leuw a cui sono state affidate le indagini. Ma intanto numerose perquisizioni sono state subito lanciate in diverse parti di Bruxelles e del Paese. E in un covo nel comune di Schaerbeek, quartiere della capitale già setacciato dopo gli attentati di Parigi, sono stati trovati un ordigno esplosivo con chiodi, prodotti chimici e una bandiera dell’Isis.

 

 

SEGUI IL LIVEBLOG

Intanto, per proteggere gli obiettivi sensibili – stazioni, centrali nucleari, porti e aeroporti – il governo ha deciso di schierare altre centinaia di soldati e altri poliziotti che avranno anche il compito di sorvegliare le frontiere. E si fa strada l’ipotesi che l’arresto di venerdì scorso del più ricercato d’Europa – quel Salah Abdeslam membro del commando di Parigi che poi non ha avuto il coraggio di farsi saltare in aria ma è rimasto nascosto a Bruxelles per quattro mesi – abbia potuto imprimere un’accelerazione all’esecuzione di attentati che sicuramente sono frutto di un’accurata pianificazione.

Il punto (ASCOLTA) – 

Continueremo a colpire l’Isis”, ha assicurato Barack Obama da Cuba. Renzi ha sottolineato che la “minaccia è globale, ma i killer sono anche locali. Non è tempo né di sciacalli né di colombe”. Per Hollande, con gli attacchi di Bruxelles “è stata colpita tutta l’Europa”, cosa che impone di prendere “misure indispensabili” e proporzionate alla minaccia: la guerra “sarà lunga”. Scioccato e preoccupato si è detto anche Cameron. E in una nota congiunta, i leader Ue hanno parlato di “attacco alla nostra democrazia”. L’aeroporto di Zaventem domani resterà chiuso, ma le scuole e i trasporti pubblici – tranne la metro – funzioneranno regolarmente nonostante i tre giorni di lutto nazionale decisi dal governo. Ma per il ritorno alla normalità ci vorrà sicuramente più tempo.