Bruxelles, su Twitter le immagini come per Parigi

30

  Non   solo il contributo di immagini e informazioni dai luoghi degli attacchi: i social, e in particolare Twitter, sono diventati immediatamente il luogo della pietà, della commozione e del dolore tradotto in creatività delle immagini.

  Proprio com era successo per l’attacco a Charlie Hebdo e per quelli del 13 novembre a Parigi, è nato un hashtag (PrayForBelgium) ma anche un numero incredibile di elaborazioni grafiche per testimoniare la vicinanza d una città e ad una nazione ancora sotto attacco, stavolta il Belgio. 

 

  Non   solo il contributo di immagini e informazioni dai luoghi degli attacchi: i social, e in particolare Twitter, sono diventati immediatamente il luogo della pietà, della commozione e del dolore tradotto in creatività delle immagini.

  Proprio com era successo per l’attacco a Charlie Hebdo e per quelli del 13 novembre a Parigi, è nato un hashtag (PrayForBelgium) ma anche un numero incredibile di elaborazioni grafiche per testimoniare la vicinanza d una città e ad una nazione ancora sotto attacco, stavolta il Belgio.